Commenta per primo

Grazie ai gol di Sneijder ed Eto'o l'Inter, in svantaggio e in dieci per l'espulsione di Julio Cesar, batte in rimonta la Lazio e supera al secondo posto il Napoli, sconfitto a Palermo nonostante l'iniziale rigore dell'ex Cavani. Il Parma espugna Udine con la doppietta di Amauri, la Sampdoria vince e condanna il Bari alla retrocessione in Serie B.

Nell'anticipo dell'Olimpico la Roma vince di misura contro il Chievo. Montella schiera il tridente Menez-Totti-Vucinic, con il capitano giallorosso che cerca il gol per raggiungere Roberto Baggio a quota 205 reti in Serie A. Dopo una rete annullata proprio a Totti per fuorigioco, la Roma sblocca subito il risultato con il gol dell'ex di Perrotta. Poi Vucinic sbaglia un paio di occasioni per il raddoppio. Nella ripresa il Chievo si rende pericoloso col neo-entrato Uribe, i giallorossi rispondono colpendo due legni con un palo di Menez e una traversa sul colpo di testa di Mandelli che sfiora l'autogol. Nel finale Juan esce per infortunio e il neo-entrato Brighi spreca la palla del raddoppio.

Finisce 1-0 per il Milan la sfida tra i rossoneri e il Brescia, impegno delle ore 19 della giornata di serie A. Una gara bella, vivace, con i rossoneri costantemente in avanti alla ricerca di un gol che potrebbe portare una vittoria fondamentale nella corsa allo scudetto. Ci provano a più riprese Seedorf, Flamini e Cassano (uno dei migliori in campo), ma la mira non è ottimale. Il Brescia gioca di ripartenza e si fa pericoloso solo con un tiro di Eder. Al 52' forcing sfrenato del Milan, ma Cassano al centro dell'area da solo manda a lato di testa. Il Milan non riesce a trovare varchi e, anzi, rischia grosso su un colpo di testa di Caracciolo. All'80' traversa di Diamanti. Nel momento più difficile, il Milan trova il gol: Seedorf lancia Cassano che, nell'uno contro uno, offre un assist al bacio per Robinho che insacca: è l'82', 1-0 per i rossoneri.
All'88' Abbiati salva incredibilmente su Diamanti: un salvataggio che potrebbe voler dire Scudetto per il Milan.

La Juventus si fa rimontare due reti e consente al Catania di uscire con un punto da torino. Inizio tranquillo, poi al 19' l'arbitro Bergonzi assegna un rigore alla Juventus per un motivo difficile da interpretare: dal dischetto va Del Piero che trasforma, 1-0. La Juve mantiene il possesso del terreno senza faticare troppo. E al 38' arriva anche il 2-0: cross di Krasic, ancora Del Piero che insacca. Nella ripresa la Juve non riesce a chiudere la gara e all'80' subisce la rete di Gomez che riapre la partita. La beffa arriva al 94', con Lodi che batte una punizione magistrale e supera un incolpevole Buffon: finisce 2-2, ma la Juve ha sofferto troppo il Catania.

 

 
Get Adobe Flash player

domani ore 15
Catania-Lazio
Cesena-Bari
Chievo-Bologna
Fiorentina-Juventus
Genoa-Brescia
Lecce-Cagliari


domani ore 20.45
Napoli-Udinese

Serie A - 34esima giornata

Roma-Chievo 1-0
4' Perrotta (R)

Bari-Sampdoria 0-1
59' rig. Pozzi (S)

Bologna-Cesena 0-2
47' Giaccherini (C), 84' Malonga (C)

Cagliari-Fiorentina 1-2
45' e 50' Cerci (F), 46' Cossu (C)

Genoa-Lecce 4-2 
3' e 30' Di Michele (L), 10' e 61' Floro Flores (G), 42' e 54' Palacio (G) 

Inter-Lazio 2-1
24' rig. Zarate (L), 40' Sneijder (I), 53' Eto'o (I)

Palermo-Napoli 2-1 
2' rig. Cavani (N), 38' Balzaretti (P), 45' rig. Bovo (P)

Udinese-Parma 0-2
13' e 91' Amauri (P) 

Brescia-Milan 0-1

82' Robninho (M)ù

Juventus-Catania 2-2

19' rig. e 38' Del Piero (J), 0' Gomez (C), 94' Lodi (C)

CLASSIFICA: Milan 74; Inter 66; Napoli 65; Lazio 60; Udinese 59; Roma 56; Juventus 53; Palermo 50; Fiorentina 46; Genoa 45; Cagliari 44; Bologna 40; Chievo 39; Parma 38; Cesena 37; Catania 37; Sampdoria 35, Lecce 35; Brescia 30; Bari 21.