115
Consueto appuntamento settimanale con Massimo Chiesa, ex arbitro internazionale e attuale opinionista di Telenova. Ai microfoni di Calciomercato.com, Chiesa valuta i principali episodi da moviola della Serie A e fa un'analisi delle tematiche arbitrali e regolamentari più scottanti a livello nazionale e internazionale.
 
Partiamo da Inter-Juventus (arbitro Rizzoli). Proteste nerazzurre per un intervento in area di Chiellini su Cassano. Era rigore?
"Rigore netto. Non regge l'ipotesi che Chiellini fosse voltato. Gli prende il piede, punto e basta". 
 
In area nerazzurra, invece, dubbi per un'uscita di Handanovic su Vidal. Rigore?
"No, non era rigore". 
 
Sull'azione del gol dell'Inter, Guarin stende Chiellini. 
"Poteva essere fermata l'azione, il cui inizio sembra viziato in maniera evidente. Guarin ci va di proposito su Chiellini. Mi hanno sorpreso le flebili proteste dei bianconeri, che hanno accettato la decisione e sono stati bravi a non scaldare gli animi".
 
Poi due interventi in area con le mani: uno di Zanetti e uno di Bonucci. Erano da sanzionare?
"Secondo me erano entrambi da rigore, credo che Rizzoli sia stato un po' 'buonista'. Zanetti, ad esempio, vede il pallone e non fa nulla per evitarlo".
 
Per finire, un commento sull'espulsione di Cambiasso e sulla decisione odierna del Giudice Sportivo, che ha squalificato il centrocampista dell'Inter per una giornata.
"Sembra che a Cambiasso vengano concesse le attenuanti generiche, come nei processi penali. Penso che punire un intervento del genere con una sola giornata di squalifica sia un invito al gioco duro. E' vero che Cambiasso è la prima volta che commette un fallo del genere e che viene espulso in Europa, ma è anche vero che, vista la sua esperienza, avrebbe anche potuto risparmiarsi un'entrata del genere. E' andata bene che il terreno fosse bagnato, perché con un campo secco la gamba di Giovinco sarebbe saltata. Insomma, quello di Cambiasso è stato un intervento da killer: ha preso solo una giornata di squalifica perché è stato aiutato dal suo curriculum, dalle sue scuse nel post partita e dall'atteggiamento di Conte, che ha calmato subito la situazione e rasserenato gli animi".
 
Passiamo a Torino-Napoli (arbitro Giannoccaro). Un rigore per parte, uno segnato (dal granata Jonathas) e uno sbagliato (dall'azzurro Hamsik). C'erano entrambi?
"I rigori erano entrambi da assegnare, quello del Napoli però sarebbe stato da ripetere, perché al momento della battuta c'erano altri giocatori in area, come D'Ambrosio. E' una delle solite sanzioni che non vengono mai applicate in Italia".
 
Chievo-Milan (arbitro Celi): c'era la punizione dalla quale nasce il gol del Milan, per fallo di Cesar su Balotelli?
"Il fallo ci sta. I gialloblù hanno fatto di tutto per fermare Balotelli, rimediando quattro ammonizioni. E credo che per Guana ci stesse anche il cartellino rosso. Per questo, l'arbitraggio non mi è piaciuto". 
 
Palermo-Roma (arbitro Calvarese): molti dubbi per un intervento di Morganella su Marquinho. Ci poteva stare il rigore?
"Ci poteva stare. Intervento scomposto".
 
Il giallorosso Osvaldo è stato ammonito per una reazione su Munoz: era da rosso?
"Ci stava l'espulsione. Osvaldo è troppo nervoso in questo periodo". 
 
Passiamo a Lazio-Catania (arbitro Massa). Rigore concesso alla Lazio per fallo di Bellusci su Ederson: c'era?
"Un rigore da casistica: l'intervento di Bellusci è stato molto ingenuo". 
 
Pochi minuti prima altro episodio dubbio in area etnea: era rigore l'intervento di Alvarez su Kozak?
"Ci stava annche questo, basti vedere l'espressione di Kozak". 
 
Genoa-Siena (arbitro Rocchi). C'era il rigore concesso al Siena, per intervento di Bovo su Sestu?
"Sì, è da fischiare. Spesso questo tipo di intervento non viene sanzionato col rigore, ma Rocchi ha fatto bene a fischiarlo, a dimostrazione che sta facendo una grande stagione". 
 
Nell'area opposta, cross di Borriello e mani di Angelo in area del Siena: rigore?
"Le proteste del Genoa in questo caso sono giustificate". 
 
Udinese-Bologna (arbitro Giacomelli): c'era il rigore per i bianconeri, poi fallito da Di Natale?
"Rigore netto ed esecuzione corretta, senza necessità di far ripetere la battuta". 
 
Concludiamo con Bayern Monaco-Juventus, andata dei quarti di finale di Champions League in programma domani sera. E' stato designato'inglese Clattenburg, scelta giusta?
"E' una gara da 5 stelle come coefficiente di difficoltà. Clattenburg è un emergente, di prima fascia, ma sarei andato più sul sicuro, facendo un'altra scelta".