Commenta per primo

Consueto appuntamento del lunedì con Massimo Chiesa, ex arbitro internazionale e attuale opinionista di Telenova. Ai microfoni di Calciomercato.com, Chiesa valuta i principali episodi da moviola della Serie A (ma anche delle coppe europee e delle qualificazioni mondiali) e fa un'analisi delle tematiche arbitrali e regolamentari più scottanti a livello nazionale e internazionale.

Partiamo dall'arbitraggio di Damato nel big match fra Juventus e Napoli. Ha ripagato la fiducia del designatore arbitrale? "Assolutamente sì, se l'è cavata molto bene. Ha ammonito nei momenti giusti e ha gestito bene una partita che non era per niente facile. Gli do un sette"
 
Nell'anticipo delle 12.30 fra Cagliari e Bologna ancora un gol fantasma, qual è il suo giudizio? "Io sono dell'idea che abbiamo preso la strada sbagliata. Deve essere inserita la tecnologia perchè in azioni così veloci è facile sbagliare, ci possono mettere anche diciotto arbitri ma il risultato non cambia. Ci vuole la tecnologia anche se credo che nel caso specifico di ieri l'arbitro abbia preso la giusta decisione".
 
L'arbitro Russo in Inter-Catania non ha concesso un calcio di rigore agli etnei per l'atterramento di Gomez da parte di Guarin: "Partiamo col dire che è rigore. L'episodio in sè stesso non pregiudica in toto il suo arbitraggio però è caduto su un episodio chiave. A me Russo non entusiasma anche se Massa che era l'arbitro di porta doveva dargli una mano, se no cos'era lì a fare?"
 
Pradè ieri si è lamentato dell'arbitraggio lei è d'accordo con il direttore sportivo della Fiorentina? "No io sto con l'arbitro Guida che è un arbitro che è cresciuto molto ed è di sicuro affidamento, poi ci sta qualche errore ma secondo me ha diretto bene"
 
Complessivamente come giudica questa giornata in chiave arbitrale? "Come giornata è stata più che accettabile, ci sono stati degli errori ma nella norma, è stata una settimana positiva".
 
Ieri Peruzzo in Parma-Sampdoria ha espulso il portiere dei blucerchiati Romero mentre su un episodio analogo ha ammonito il collega Mirante, decisione corretta? "Se fossi stato io l'arbitro della partita avrei espulso entrambi i portieri. Anche Peruzzo è sempre lì per fare il salto di qualità ma poi si blocca e stecca. Forse non è nemmeno tanto fortunato negli episodi".
 
Come valuta la direzione di Tagliavento in Lazio-Milan? "Su Tagliavento niente da dire. E' un ottimo arbitro e ha diretto bene la gara. Devo dire una cosa: a me piacciono gli esperimenti di Braschi, ha coraggio e fa arbitrare partite importanti a tutti anche perchè non è produttivo avere solo due o tre arbitri bravi come appunto Tagliavento o Rizzoli".
 
Gara non facile anche per Orsato in Genoa-Roma, l'arbitro è parso un po' nervoso, cosa ne pensa? "Orsato è della stessa leva di Damato, hanno fatto la stessa trafila. E' un ottimo arbitro che però deve affinare il suo rapporto con i giocatori. Anche a me è parso un po' troppo nervoso ma ha diretto bene una gara non facile. Ci vuole più dialogo con i calciatori, gli arbitraggi troppo rigidi appartengono al passato. Però meglio essere intransigenti piuttosto che farsi mettere i piedi in testa in certe situazioni".
 
Chiudiamo con un tristissimo episodio: Livorno-Verona arbitro Nasca. I tifosi del Verona infangano la memoria di Piermario Morosini, i cori si sentono chiaramente, l'arbitro non poteva intervenire? "Doveva intervenire e sospendere immediatamente la partita. Questi sono delinquenti a lingua armata. Ci vogliono pene esemplari perchè non si può infangare la memoria di un calciatore che ha perso la vita facendo il suo lavoro. Io li arresterei tutti, fuori dagli stadi questi criminali. C'è anche da dire che Mandorlini ha surriscaldato l'ambiente il giorno prima, lui ha anche allenato Lo Spezia e c'è rivalità con i livornesi"