Calciomercato.com

Spalletti, bordata a Donnarumma: titolarità a rischio anche con l'Italia

Spalletti, bordata a Donnarumma: titolarità a rischio anche con l'Italia

  • Federico Zanon
  • 90
E' stato il grande protagonista della finale dell'ultimo Europeo in Inghilterra, potrebbe vivere il prossimo in Germania dalla panchina. Il condizionale è d'obbligo, ma l'annus horribilis di Gianluigi Donnarumma potrebbe portare a una clamoroso ribaltone in porta in vista del torneo continentale, nel quale l'Italia affronterà Spagna, Croazia e Albania. Che qualche certezza è venuta a meno lo ha fatto capire il commissario tecnico degli Azzurri, Luciano Spalletti che, a margine del Gran Galà del Calcio 2023, ha lanciato una bordata al suo numero uno: "Il problema è sempre lo stesso, come ti poni con quello che è il tuo ruolo e con quella che è la tua carriera - ha detto a Sky Sport Se credi di essere già arrivato e di non avere niente da imparare... Lui ha bisogno di mettere mano a sé stesso, perché fa vedere ogni tanto di perdere di continuità. C'è solo un modo per mantenere il livello sul lungo periodo: allenarti e disciplinarti bene a livello mentale".

DENTRO LA CRISI DI DONNARUMMA: IL PSG SI INTERROGA

SI E' SEDUTO - Donnarumma, difeso da Spalletti lo scorso settembre ("Non gli viene perdonato di essere un ragazzo prodigio che ha bruciato le tappe"), dopo gli ultimi errori ha gli occhi addosso. Nei prossimi messi verrà visionato e valutato, dovrà conquistarsi il posto da titolare, come tutti gli altri. Le gerarchie, insomma, scricchiolano, anche perché alle spalle di Gigio c'è un portiere in rampa di lancio come Vicario, che al primo anno in Premier League con il Tottenham ha dimostrato di essere un top nel suo ruolo. L'Italia è in mani sicure, oltre all'ex Empoli ci sono altri due profili affidabili come Provedel della Lazio e Meret del Napoli, nonostante qualche sbavatura nell'ultimo periodo. Donnarumma ha dato l'impressione di essersi seduto, per Spalletti il talento senza lavoro fisico, tecnico e mentale non può essere sufficiente per restare il numero uno dell'Italia.

Altre notizie