Commenta per primo

Malgrado le 36 primavere, forse Cristian Stellini avrebbe fatto ancora comodo alla martoriata difesa del Bari che ieri ha registrato lo stop di Raggi, bloccato da un problema alla schiena. Oggi si saprà se il 26enne terzino sarà disponibile per la sfida di domenica al Genoa. Un match davvero speciale per Stellini (oggi collaboratore tecnico di Conte a Siena) che tra Liguria e Puglia ha trascorso gli ultimi sette anni della sua carriera.

Stellini, che cosa le evoca Genoa-Bari?
'E' il confronto tra due piazze che amo. In entrambe le squadre ho conquistato la serie A. Ovviamente vedrò la partita, ma non riuscirò a tifare per l'una o per l'altra. Un pronostico? Gara da tripla. Per il Bari sarà importante il carisma di Andrea Masiello, Almiron e Kutuzov per assorbire l'impatto di Marassi'.

E' stato leader sia dei grifoni, sia dei galletti. Guidare uno spogliatoio è una dote naturale?
'Mi sono riscoperto punto di riferimento in questi ultimi anni di carriera. Con l'età che avanzava, ho capito che sarebbe stato difficile essere un titolare inamovibile. E allora ho cercato di trasmettere la mia esperienza al gruppo. Con i ragazzi del Bari è rimasto un rapporto forte: ci sentiamo sempre, ci sfoghiamo dei rispettivi problemi. Proprio come accadeva da compagni di squadra'.

Ha lavorato con Gasperini, Conte e Ventura. Ovvero l'attuale tecnico del Genoa, il recente passato del Bari ed il presente biancorosso. Come li descrive?
'Il comune denominatore è che danno alle loro squadre un gioco spumeggiante. Gasperini ha un modo di comunicare un po' burrascoso, ma riesce a tirar fuori il meglio dai suoi giocatori. Di Conte, malgrado sia un tecnico giovane, mi ha meravigliato la mentalità vincente. Ventura, invece, possiede una preparazione tattica unica'.

Il Genoa ha già raggiunto una dimensione europea. Quando il Bari potrà ambire a varcare i confini nazionali?
'I liguri vantano due anni d'esperienza in più in A: un aspetto che fa la differenza. Ma il presidente Matarrese è ambizioso e porterà avanti il progetto. Il Bari deve pensare a raggiungere la salvezza il prima possibile. Ma vi garantisco che in ognuno dei miei ex compagni c'è voglia di centrare una grande impresa'.