Commenta per primo
I Canguri sognano di fare un altro salto in avanti. Dopo aver messo paura all'Italia di Lippi che agli ottavi di Germania 2006 è riuscita a superarla solo grazie ad un rigore di Totti allo scadere, l'Australia vuole confermarsi a Sudafrica 2010. L'impresa non sarà delle più semplici, infatti sulla strada dei "Socceroos" ci sono tre avversarie di tutto rispetto come Germania, Serbia e Ghana. Per superare la fase a gironi, servirà un torneo sopra le righe. L'Australia debutta contro la Germania domenica 13 giugno a Durban, dopodiché sfida il Ghana sabato 19 giugno a Rustenburg e la Serbia mercoledì 23 giugno a Nelspruit. Il ct olandese Pim Verbeek, che ha ereditato la panchina dal connazionale Guus Hiddink e dopo il Mondiale potrebbe lasciarla ad un altro orange come Ruud Gullit, ha disegnato una formazione camaleontica con il modulo 4-2-3-1 pronto a trasformarsi in 4-5-1 in fase di non possesso palla. La spina dorsale della squadra è costituita da quattro elementi di sicuro affidamento: in porta c'è Mark Schwarzer che, nonostante le voci su Arsenal e Manchester United, giura fedeltà al Fulham di Roy Hodgson con cui è arrivato in finale di Europa League; la difesa è diretta da capitan Lucas Neill, centrale del Galatasaray; in mezzo al campo il leader della squadra e capocannoniere alle qualificazioni Tim Cahill, blindato dall'Everton con un nuovo contratto fino al 2014, canta e porta la croce; davanti tutto il peso dell'attacco grava sulle gracili spalle di Harry Kewell. Il gioiello ex Leeds e Liverpool è da tempo alle prese con diversi problemi fisici ed anche per questo motivo ha dovuto reinventare il proprio gioco, avanzando dalla trequarti al nuovo ruolo di punta centrale un po' come Totti nella Roma. La rassegna di Sudafrica rappresenta un'importante vetrina anche per il difensore Craig Moore, attualmente senza squadra. Tra i convocati della nazionale australiana figura più di una conoscenza del calcio italiano: "vecchia" come il centrocampista Vince Grella del Blackburn (ex Empoli, Parma e Torino che potrebbe raggiungere Neill e Kewell in Turchia), "attuale" come l'esterno Mark Bresciano, che però lascerà il Palermo in scadenza di contratto per raggiungere Zenga all'Al-Nasr in Qatar, o "nuova" come il giovane Carl Valeri portato in Italia dall'Inter e nell'ultimo campionato in forza al Sassuolo. Niente da fare per Adam Madaschi, che dopo la storica promozione in Serie B ottenuta con il Portogruaro, non ha potuto coronare un altro grande sogno. CT: Pim Verbeek Portieri: Mark Schwarzer (Fulham), Adam Federici (Reading), Brad Jones (Middlesbrough) Difensori: Scott Chipperfield (Basilea), David Carney (Twente), Lucas Neill (Galatasaray), Michael Beauchamp (Al-Jazira), Craig Moore (svincolato), Mark Milligan (JEF United), Luke Wilkshire (Dinamo Mosca) Centrocampisti: Mark Bresciano (Palermo), Tim Cahill (Everton), Jason Culina (Gold Coast United), Brett Emerton (Blackburn), Richard Garcia (Hull City), Vince Grella (Blackburn), Brett Holman (AZ Alkmaar), Mile Jedinak (Antalyaspor Kulubu), Carl Valeri (Sassuolo), Dario Vidosic (Norimberga) Attaccanti: Josh Kennedy (Nagoya Grampus), Harry Kewell (Galatasaray), Nikita Rukavytsya (Twente) CLICCA QUI PER ACCEDERE ALLA SEZIONE 'SPECIALE MONDIALI'