11
Le Juventus Women si sono fatte un gran bel regalo. Perché pareggiando all'ultimo respiro con il Wolfsburg non solo hanno ottenuto un risultato prestigioso davanti ai propri tifosi (dopo i 17mila di Juve-Chelsea, questa volta sono stati quasi 13mila i tagliandi gratuiti prenotati all'Allianz Stadium), ma hanno anche tenuto vivo il sogno qualificazione ai quarti di finale. I tempi in cui le bianconere partivano già sconfitte in Champions è ormai un lontano ricordo, la mano di Joe Montemurro si sta vedendo soprattutto in ambito internazionale. E al giro di boa, il gruppo A di Champions vede la Juve ancora in corsa a quota 4, dietro il Wolfsburg a 5 punti e il Chelsea a 7. Uno score che potrebbe vedere le bianconere a lottare per la qualificazione almeno aritmeticamente parlando fino all'ultima giornata, mica male.

SUPER GIRELLI - Contro il Wolfsburg è Cristiana Girelli a guadagnarsi la copertina, è lei a sbloccare il risultato al 22' anche se poi il pareggio delle tedesche è immediato e arriva già al 25' con Lattwein. Il Wolfsburg è più esperto, ha più qualità, ha quindi anche più occasioni anche se la Juve risponde colpo su colpo. Ma quando a metà ripresa arriva l'1-2 di Wassmuth poteva anche finire la partita. Invece la Juve non molla più, non molla mai, rischia il ko ma resta in piedi. Al 90' il Wolfsburg resta in dieci, un minuto dopo ecco l'ultima zampata della solita Girelli. È 2-2, finisce così. Il sogno può continuare.