Commenta per primo

La tensione e' altissima in casa del Palmeiras: alcuni giocatori della squadra di San Paolo, ormai a un passo dalla retrocessione in Serie B, hanno dovuto assumere guardie del corpo private dopo avere ricevuto minacce dai propri tifosi. Le sorti del club brasiliano potrebbero essere decise domani, nella sfida contro la capolista Fluminense, che a sua volta potrebbe aggiudicarsi lo scudetto con tre giornate di anticipo in caso di vittoria. Per il Palmeiras si tratterebbe della seconda retrocessione negli ultimi 10 anni. Come se non bastasse, anche la giustizia sportiva si e' accanita contro la squadra paulista, confermando il 2-1 (con gol di mano di Barcos) a favore dell'Internacional di Porto Alegre, nel match disputato il 27 ottobre scorso, contro il cui risultato il 'Verdao' aveva fatto ricorso. Per scongiurare eventuali episodi di violenza da parte degli ultra' e' intervenuto addirittura il ministro dello Sport, Aldo Rebelo, che ha chiesto pubblicamente di smetterla con le minacce ai calciatori. Mentre l'argentino Hernan Barcos, stella della squadra, ha gia' annunciato che lascera' la squadra se avvertira' il rischio di problemi per la propria incolumita'.