84
 La prossima estate potrebbe essere quella dell'addio di Andrea Belotti al Torino.  Nelle scorse stagioni aveva fatto più di qualche rinuncia, molto legato a un club di cui è capitano e leader tecnico e dello spogliatoio. Il Gallo ora è arrivato al bivio della carriera, nel pieno della maturità calcistica deve decidere se tentare o meno il salto in una squadra con ambizioni d'alta classifica. Ecco perché continua a rimandare un confronto con il presidente Urbano Cairo per iniziare la trattativa per il rinnovo del contratto in scadenza nel 2022. 

Ascolta "Torino, Belotti ora è un problema: la vera cifra richiesta, cosa succede con Milan e Roma" su Spreaker.
ROMA E MILAN IN CORSA  - Da due anni non ha un procuratore, si fa assistere dalla moglie e da un legale di fiducia dopo la rottura con il manager storico Sergio Lancini. Andrea Belotti è il profilo giusto per la Roma che lo ha inserito in una lista dove sono presenti anche i nomi di Mauro Icardi e Dusan Vlahovic. L'amicizia con Lorenzo Pellegrini potrebbe favorire i giallorossi che sono alla ricerca di un vero e proprio numero 9 da regalare al tecnico Paulo Fonseca. Anche il Milan lo tenta da diverso tempo, una pista da seguire con grande attenzione. In rossonero ha due sponsor d'eccezione come Frederic Massara e Paolo Maldini, entrambi favorevoli all'acquisto del nazionale azzurro che ha già dimostrato di avere tutte le carte in regola per giocare in determinati palcoscenici ambiziosi.  E da Torino arrivano segnali diversi rispetto al passato: Urbano Cairo potrebbe essere costretto a metterlo in vendita per non più di 30 milioni, una cifra decisamente diversa rispetto ai 100 milioni chiesti nel 2017 proprio al club rossonero. Il contratto e la classifica dei granata non aiutano, Andrea Belotti è sempre più vicino all'addio.