2
Torino-Napoli è la partita per eccellenza di Walter Mazzarri. D’altronde l’attuale allenatore granata ha scritto alcune delle pagine più belle della sua carriera propio sulla panchina azzurra ed è ancora ricordato con affetto e gratitudine dai tifosi partenopei. Domenica, quando il suo presente affronterà il suo passato, non potrà però guidare la propria squadra da bordo campo per via della squalifica arrivato dopo il cartellino rosso ricevuto lunedì al Tardini. Il fatto curioso è che non potrà essere sostituito nemmeno dal suo vice Nicolò Frustalupi, anch’esso fermato per un turno dal Giudice sportivo. 

Di fatto il Torino contro il Napoli sarà senza allenatore. A meno che almeno uno dei due ricorsi presentati dalla società granata, contro la squalifica di Mazzarri e di Frustalupi, non venga accolto. Se così non dovesse essere, a fare le veci dell’allenatore sarebbe un altro fedelissimo del tecnico toscano: Roberto Miggiano, che per una stagione, quella 2010/2011, ha guidato la formazione Primavera del Napoli. Tra i vari collaboratori di Mazzarri, Miggiano, è infatti l’unico in possesso del patentino necessario per poter fare le veci dell’allenatore. Quella del Torino, che si ritrova ad avere sia il suo tecnico che il vice squalificati, è una situazione più unica che rara.