Commenta per primo

Si è conclusa ieri sul campo del Savio la prima edizione del Torneo Semilleros - In Sport We Trust che ha visto contrapporsi sul campo le rappresentative di giovanissimi di Perù, Lazio, Savio, Pescara, Roma e Romulea. Il Torneo, nato in Perù 20 anni fa per togliere i ragazzi dalla strada e combattere violenza e droga, ha acquistato la sua accezione internazionale grazie all'iniziativa del gruppo Clandestine srl che lo ha portato in Italia sui campi di Savio e Romulea, grazie all'iniziativa di sponsor istituzionali e privati. Primi classificati i ragazzi peruviani che in finale hanno battuto la Roma per 2-0. Terzi i ragazzi del Savio, vincitori ai rigori, sul Pescara. Quinta classificata al Lazio e sesta la Romulea. Per la premiazione erano presenti tutti i dirigenti delle squadre giovanili impegnate, Marco Rizzet per la Roma, il generale Giulio Coletta per la Lazio, Fabrizio Iannascoli del Pescara, Nicola Vilella per la Romulea e Paolo Fiorentini, presidente del Savio e del Torneo.