Commenta per primo
“E’ difficile migliorare questa squadra” ha ripetuto più volte Urbano Cairo nelle scorse settimane, prima della sfida contro il Wolverhampton. Ma gli inglesi hanno ora dimostrato che questo Torino può e deve essere migliorato: non solo per poter competere al meglio a livello internazionale (ammesso che in Inghilterra Belotti e compagni riescano nella complicatissima impresa di ribaltare il 2-3 subito in casa), ma anche per essere di nuovo protagonista in positivo in serie A. 

In un modo o nell’altro le sei squadre che hanno terminato lo scorso campionato davanti al Torino sono state migliorate sul mercato, ma sono state rinforzare anche formazioni come Lazio, Fiorentina e Cagliari che hanno terminato la scorsa stagione qualche posizione più in basso. Walter Mazzarri aspetta invece ancora i primi acquisti. Nel frattempo la nuova serie A sta per partire: domani al Grande Torino arriva il Sassuolo e il Torino avrà bisogno di un risultato positivo sia per incassare i primi punti, sia per alzare il morale in vista del match di ritorno con il Wolverhampton. 

Urbano Cairo e Massimo Bava hanno avvitato già diverse trattative: su tutte quella per Simone Verdi: giocatore di qualità che servirebbe (eccome) alla squadra granata per rendere più imprevedibile il gioco in fase offensiva. Sarebbe servito anche contro il Wolverhampton, magari al posto di un Alejandro Berenguer impalpabile nella sua posizione di trequartista dietro alle punte, ma ormai è troppo tardi e non potrà essere a disposizione nemmeno in Inghilterra (la lista Uefa è stata consegnata prima della partita di andata e potrà essere modificata solamente in caso di qualificazione ai gironi). Potrà però essere utile in campionato e per questo sarebbe meglio che arrivasse il prima possibile alla corte di Walter Mazzarri.