94
Caro Leo Turrini, cosa hai pensato seguendo il Gran Premio dell’Arabia Saudita?
“Che per errore stavo su Netflix e seguivo Squid Game, la serie coreana su quel gioco dove alla fine chi perde muore”.

In effetti…
“Beh, a Gedda è accaduto di tutto. Unica certezza ma sconfortante, il piattume della Ferrari, non pervenuta. Quanto al resto, tre partenze, una bandiera rossa temo prematura, safety car, rallentamenti obbligatori per detriti in pista. Mi dispiace per il mio amico Stefano Domenicali, ma non è stata una grande idea portare la F1 in Arabia Saudita. E non solo per i diritti umani”.

Comunque anche questa gara pazzesca l’ha vinta Hamilton.
“Sì, sempre che nel dopo corsa la giuria non prenda ulteriori provvedimenti! Così i due Fenomeni vanno ad Abu Dhabi a pari punti. Un ex aequo prima della gara finale non si vedeva dal 1974, allora in lizza c’erano Emerson Fittipaldi e Clay Regazzoni”.

Dici che somigliavano ad Hamilton e Verstappen?
“No, allora c’era una lealtà reciproca che tra i Fenomeni di oggi, perché sono fenomeni, proprio non esiste. Lewis e Max si detestano, si tirano colpi bassi in pista. Qui non ci sono un angelo e un demonio. Ma due Diavoli!”.

E ad Abu Dhabi cosa potrà ancora succedere?
“Mentre ti scrivo stanno a pari punti, Hamilton e Verstappen. Ma l’olandese ha una vittoria in più. Dunque, quanto mi paghi una eliminazione reciproca domenica prossima?…”
E tu quanto paghi uno scudetto dell’Atalanta?
“Guarda, lo dico come paradosso: quasi quasi il Milan e l’Atalanta dovrebbero augurarsi di non andare avanti in Champions!”

Addirittura.
“Beh, un anno fa l’Inter di Conte manco si qualificò per la Europa League e non per caso a primavera i nerazzurri si misero a  volare. Tieni presente che al solito i ritmi della stagione sono folli, le infermerie delle squadre si riempiono e bla bla bla”.

Di sicuro un campionato così equilibrato non lo vedevamo da anni.
“È vero ed è una buonissima cosa. Tra l’altro senza conoscere l’esito di Juve-Genoa e a dispetto della…minusvalenza Allegri io continuo a pensare che anche la Signora possa rientrare. Prima o poi le gerarchie si assesteranno ma ci stiamo divertendo un casino”.

Mourinho un po’ meno.
“Ah, su Mou mi ripeto. Dovrebbe andarsi a rileggersi le pagine di Flaiano sul marziano a Roma. Subito l’alieno viene accolto nell’Urbe come un fenomeno. Ma dopo un po’ tra il Colosseo e il Vaticano la gente lo prende a pernacchie….”

di Daniela Bertoni