20
Caro Leo Turrini, stavolta la Ferrari ci è andata vicina…
“Sì, abbastanza. Leclerc è stato coraggioso, ha cercato di resistere in pista senza cambiare le gomme…”.

Ha sbagliato?
“No, ha fatto bene! Carletto non si sta giocando il mondiale, aveva una opportunità, ha accarezzato il sogno”.

Sfumato, però.
“Sì, ma questo ragazzo è un grande e soprattutto ha cuore. Piano piano sta anche trovando una macchina più competitiva”.

Dici che la Ferrari sta svoltando?
“Dico che qualche segnale si vede. Il nuovo motore ibrido ha dato alla Rossa un po’ di cavalli in più e lo dimostra anche la grande rimonta di Sainz, che partiva dal fondo”.

Riabilitiamo John Elkann, allora?
“Per il momento gli accordiamo il beneficio del dubbio”.

È già qualcosa, conoscendoti. Intanto Verstappen è tornato leader…
“Eh, stavolta Max è stato un po’ aiutato dal box Mercedes!”.
Prego?
“Sì, gli ingegneri hanno imposto a Hamilton una sosta cui Lewis ha vanamente tentato di opporsi. Forse aveva ragione lui, dico per i punti in più che avrebbe potuto prendere. Comunque la gara l’ha vinta il maggiordomo finlandese, cioè Bottas. E alla Mercedes sta a cuore anche il titolo a squadre”.

Secondo te il Mondiale chi lo vince?
“Boh. Calcola che due piste sulle sei che restano sono nuove per la F1, Qatar e Arabia Saudita. Sarà un terno al lotto”.

È stata anche la settimana dell’altra Nazionale, quella azzurra. Ma è andata male…
“Non proprio. Anzi, imparare dalle sconfitte servirà a vincere di nuovo. A patto di sapere che non siamo gli unti del Signore, c’era un grande equilibrio all’Europeo, con tante sfide decise solo ai rigori. Figurati al Mondiale in Qatar”.

I fischi a Donnarumma: da che parte stai?
“Con Gigio. Io voglio essere libero di non condividere le sue scelte professionali, leggi PSG, senza unirmi a chi contesta il portiere della Nazionale, che fino a prova contraria è la squadra di tutti. Che faccio, fischio Chiesa in azzurro perché sono interista? Bisogna saper distinguere le cose. Donnarumma già non era più il portiere del Milan quando ci ha fatto vincere l’Europeo. I suoi detrattori l’avranno insultato anche la notte di Wembley? Ma dai…”

Ultima cosa: Mancini non esclude di portare Balotelli ai Mondiali.
“Ti rispondo così: se Super Mario va in Qatar allora io posso vincere il premio Nobel per la letteratura!".

di ​Daniela Bertoni