16
Le prime parole da campione d'Europa Federico Chiesa le ha rivolte a Siri: "Chiama mamma". Subito, live. Per farle vivere da vicino gli attimi dopo il fischio finale, l'emozione che si prova a stare lì, sul campo di Wembley e aver vinto con la maglia dell'Italia. In quel gesto di Chiesa c'è tutta la sua semplicità e la genuinità di un ragazzo diventato ormai grande. Questo torneo è stata la sua consacrazione definitiva, il classe '97 era l'incubo delle difese avversarie perché con un'accelerazione delle sue era capace di spaccare la partita da un momento all'altro.

CONTINUA A LEGGERE SU ILBIANCONERO.COM