Calciomercato.com

VIDEO Guidolin:| 'Di Natale? Decido domani'

VIDEO Guidolin:| 'Di Natale? Decido domani'

Francesco Guidolin, allenatore dell'Udinese, deciderà domani se schierare o meno capitan Di Natale contro il Cesena, partita fondamentale per continuare a inseguire un sogno, il terzo posto che dà diritto all'accesso ai preliminari di Champions league. «Bisogna giocare a Cesena con lo stesso spirito, intensità e temperamento con i quali abbiamo giocato contro la Lazio - ha detto Guidolin al sito ufficiale dell'Udinese - . Con la Lazio abbiamo fatto una delle nostre partite, l'abbiamo sviluppata e interpretata bene. Siamo andati forte dall'inizio alla fine. Per conquistare 121 punti in 2 anni abbiamo dovuto fare sempre così. Di partite vinte andando a scartamento ridotto ce ne sono state poche. Non saremmo arrivati dove siamo se non avessimo interpretato le gare così.». Ma Di Natale sarà della partita? «Aspetterò domani per decidere, oggi è troppo presto per fare bilanci e analisi. Quando si gioca i traumi sono frequentissimi e spesso le cose emergono qualche tempo dopo. Il punto della situazione lo faremo un pò questa sera dopo la rifinitura a Cesena e un pò domani», ha spiegato. Guidolin ha parlato delle cosiddette 'seconde lineè soffermandosi in particolare su Pereyra autore del secondo gol contro la Lazio che a inizio anno sembrava più timido. «Sono scoperte che facciamo anche noi di giorno in giorno. È un ragazzo che parla molto poco per carattere e perchè non conosce ancora bene la nostra lingua - ha spiegato il tecnico -. È abbastanza introverso, ma positivo e ha personalità. Questo lo ha dimostrato. Noi abbiamo sempre visto in lui delle buone qualità, è un '91 e ha bisogno di adattarsi ai ritmi, al nostro lavoro, alla nostra preparazione e al modo di giocare. Mi auguro che continui così da qui in avanti. In questi mesi i progressi si sono visti». Poi un commento sugli avversari. «Il Cesena è una squadra che nel recentissimo passato ha fatto sudare molto Juventus e Inter. Direi che può bastare questo per dire che è un avversario difficile, insidioso, una squadra composta da buoni giocatori e ben allenata, perchè Mario è un tecnico sicuramente capace. Bisogna partire da qui, siamo consapevoli delle difficoltà, ma convinti e fiduciosi che potremo fare bene se giocheremo da Udinese. Ho parlato ieri con la squadra e ho chiesto di dimenticare subito la vittoria con la Lazio e riproiettarsi sul domani che è già qui. Resettare tutto e giocare con grande intensità, temperamento, voglia e con quella determinazione che deve avere una squadra che sta inseguendo un sogno. Questo è quello che spero di vedere domani».

 

Altre notizie