Commenta per primo

Il giorno prima di Udinese-Atalanta sale in cattedra mister Guidolin per la tradizionale conferenza stampa pre-partita. Il tecnico di Castelfranco Veneto non si fida dei tre punti conquistati dalla Dea fino a questo momento: "Affrontiamo una squadra sollecitata dal suo presidente, dal suo allenatore e dal momento generale. I nerazzurri si trovano nella stessa situazione in cui eravamo noi quattro giorni fa. Dovremo essere pronti a una gara difficile, in un ambiente caldo, contro una squadra sollecitata a non commettere errori".

Dopo la vittoria contro il Genoa la squadra sta meglio dal punto di vista mentale?

"Un mio amico mi ha scritto un messaggio molto significativo: costruire è difficilissimo, a distruggere basta un attimo. Noi abbiamo costruito tanto in passato, ma contro il Genoa abbiamo solo messo un altro mattoncino a questa nuova stagione. Se ci dimentichiamo chi siamo e da dove veniamo rischiamo di brutto. Abbiamo vinto una gara con grande sforzo e spirito di sacrificio. Queste sono le nostre armi e non dobbiamo dimenticarle a casa, altrimenti è meglio non andare nemmeno in  trasferta".

Come le è sembrata la squadra in questi giorni?

"I ragazzi si sono sempre allenati bene. Purtroppo Muriel non sarà disponibile. Dovremo essere pronti soprattutto dal punto di vista mentale e nervoso".

Per evitare un approccio sbagliato come successo a Roma e Verona?

"Penso di avere toccato i tasti giusti nei ragazzi".

Negli ultimi tre anni l'Udinese ha collezionato tre pareggi  a Bergamo. Un punto potrebbe andare bene anche questa volta?

"Noi prepariamo la partita per vincere, ma lo fa anche l'Atalanta. Vediamo chi ruba prima l'idea all'avversario".

Ci dobbiamo aspettare qualche novità dal modulo?

"Quello che conta è lo spirito con cui si scende in campo. E' molto più importante del modulo. Siamo pronti a difendere con tre e quattro uomini".

 

Get Adobe Flash player