Commenta per primo
Silvestri 6: sul gol di Immobile può poco. Su quello di Pedro invece è poco reattivo, mentre quello di Milinkovic è imprendibile.

Perez 5,5: l’argentino inizia facendosi sentire sulle gambe degli avversari e sembra la tattica è giusta. Nella ripresa però soffre la reazione della Lazio e al 79’ si perde Acerbi sulla punizione perfetta di Basic.

Becao 6,5: sfortunato al 34’ sul disperato tentativo di salvataggio sul cross di Felipe Anderson che porta al gol di Immobile, ma la sua gara è molto attenta. (Al 75’ Nuytinck 5,5: poco reattivo anche lui sul gol di Acerbi).

Samir 6: qualche problemino in più per il numero 3 soprattutto per le avanzate di Felipe Anderson e i tagli di Milinkovic, ma anche lui si fa trovare pronto. Sui gol della Lazio può poco. (All’87’ Forestieri 6,5: furbo a servire Arslan per il 4-4).
Udogie 6: il numero 13 è molto vivace. Spunti interessanti, tanta corsa e qualità per il prospetto italiano classe 2002. Soffre Felipe Anderson solo sul gol di Immobile.

Molina 5,5: inizialmente l’argentino sembra disordinato del solito. Attento in fase difensiva e sempre propositivo in attacco, tanto da trovare il primo gol stagionale. Nel secondo tempo però lascia in 10 i suoi. Ingenuo.
Walace 5,5: tanta quantità. Il numero 11 non va mai in sofferenza a centrocampo nel primo tempo, ma nel secondo non riesce ad arginare le avanzate biancocelesti. Nel finale si fa cacciare macchiando una buona prestazione.

Jajalo 6,5: il cross di prima per Beto è un cioccolatino con su scritto “buttami dentro”. Partita di sostanza per il numero 8 bianconero che oggi però aggiunge anche qualche accenno di qualità. (Al 63’ Arslan 6,5: fa decisamente meno filtro del compagno di squadra, ma allo scadere trova il pareggio).

Deulofeu 6,5: con i suoi movimenti manda in grande difficoltà sia il centrocampo che la difesa della Lazio. Al 44’ trova anche l’assist per Molina. Nel secondo tempo cala, ma la sua prova è positiva. (Al 75’ Soppy 6,5: suo lo spunto che porta alla punizione del pareggio).

Success 7: stesso discorso di Deulofeu, con la differenza che fisicamente non lo sposti mai. Manda in porta Beto per il raddoppio e al 57’ fa espellere Patric. Determinante. (Al 63’ Pussetto 5,5: non punge come si aspettava Gotti).
Beto 7,5: lotta di continuo e alla prima palla buona non perdona. Il numero 9 nella notte dell’Olimpico è imprendibile, sia nel gioco aereo, sia in corsa. Scatenato.

All. Gotti 6,5: all’ex collaboratore di Sarri quasi riesce lo sgambetto. La sua squadra è molto cinica e va vicina al colpaccio poi però crolla contro la maggiore qualità della Lazio. Con prestazioni del genere la salvezza sarebbe dietro l’angolo, peccato per i determinanti cali di concentrazione.