Commenta per primo
La dirigenza non sembra aver digerito la netta sconfitta rimediata nella giornata di domenica contro la Lazio: all’Olimpico di Roma, infatti, in campo si è vista solamente una squadra, quella biancoceleste, capace di asfaltare in soli 45’ di gioco i ragazzi guidati da Luca Gotti.
 
Ciro Immobile e compagni si sono sbarazzati in una sola frazione dei bianconeri, in maniera piuttosto facile e irrisoria: la società friulana ha deciso così di mandare in ritiro la squadra, in vista del match infrasettimanale di Coppa Italia contro il Bologna. Gara che sarà fondamentale per il prosieguo della stagione, data l’importanza di un’eventuale passaggio del turno e di una conseguente qualificazione agli ottavi di finale.
 
La sfida contro la compagine allenata da Mihajlovic sarà tutt’altro che facile: gli emiliani arrivano dalla preziosissima vittoria sul campo del Napoli, dove hanno difeso con tutte le proprie forze le avanzate azzurre, ripartendo con decisione e grande freddezza, uscendo dal rettangolo di gioco con tre punti in tasca; l’Udinese, invece, viene da due sconfitte consecutive e si appresta a vivere uno dei momenti più delicati e duri del campionato. Dopo l’impegno di Coppa Italia, infatti, i bianconeri ospiteranno prima proprio il Napoli di Ancelotti, giocandosi successivamente le proprie carte contro Juve e Cagliari: insomma, tre avversari che sulla carta potrebbero non far sconti ai ragazzi di Gotti, che dovranno cercare a tutti i costi di trovare la luce in fondo al tunnel.
 
Può, dunque, un ritiro cambiare le sorti della squadra? Sicuramente la decisione presa dalla società arriva in un periodo spinoso, in cui un passo falso potrebbe costare la panchina dell’ormai ex viceallenatore. Ciò che è certo è che ai friulani manca una guida, un leader e soprattutto un vero capitano: la discontinuità di De Paul, la depressione calcistica di Lasagna, le carenze difensive e le difficoltà a trovare la via del gol stanno bombardando l’autostima dell’intera squadra, facendo crollare psicologicamente Musso e compagni.
 
La partita di domani potrà portare grande serenità in caso di passaggio del turno, ma, al contrario, potrebbe causare grossi problemi all’interno dell’ambiente bianconero; i tifosi, come al solito, non faranno mancare il proprio sostegno e saranno presenti in gran numero allo stadio, con la speranza e l’auspicio che il ritiro faccia l’effetto desiderato.