44

13.30 Come previsto dall'articolo 32 comma 6 dello Statuto, la Fifa ha nominato presidente ad interim il più longevo vicepresidente del comitato esecutivo, Issa Hayatou che ha dichiarato: "Oggi, per circostanze straordinarie, ho assunto il ruolo di presidente della Fifa ma lo ricoprirò solo ad interim. Un nuovo presidente sarà scelto dal Congresso straordinario il 26 febbraio prossimo e io non sarò candidato. Fino ad allora prometto di impegnarmi al massimo per la Fifa, le Federazioni, i nostri dipendenti, i nostri partner e i tifosi di tutti il mondo. La Fifa rimane impegnata nel processo di riforma, che è fondamentale per riconquistare la fiducia dell'opinione pubblica. Continueremo inoltre a cooperare pienamente con le autorità e a seguire l'indagine interna, dovunque conduca. Il calcio non ha mai avuto così tanto sostegno nel mondo come oggi ed è qualcosa di cui tutti dobbiamo essere orgogliosi". 
 


 

13.00 Il legale di Blatter ha commentato in un comunicato: "Il presidente Blatter si rammarica del fatto che il Comitato Etico non abbia seguito né il codice etico, né quello disciplinare che forniscono la possibilità di essere ascoltati. Inoltre il Comitato Etico ha basato la sua decisione equivocando le azioni del procuratore generale svizzero che ha sì aperto un'indagine, ma senza formalizzare alcuna accusa nei confronti di Blatter. Infatti l'accusa sarà obbligata per legge ad archiviare il caso se l'indagine, che dura da appena due settimane, non fornirà prove sufficienti. Blatter non vede l'ora di avere la possibilità di presentare le prove in grado di dimostrare la sua estraneità a qualsiasi cattiva condotta". 

12.30 Attraverso un comunicato ufficiale, la FIFA annuncia che il proprio comitato etico ha sospeso per 90 giorni Joseph Blatter, Michel Platini e Jerome Valcke, con una possibile estensione della sospensione fino ad altri 45 giorni. Confermata anche la sospensione di sei anni per l'ex vice presidente FIFA Chung-Moong Joon, che riceverà una multa di 100mila franchi svizzeri. 

12.00 - Poco prima, Michel Platini aveva diramato un comunicato per difendersi dalla accuse: "Ieri sera è stato comunicato che la camera investigativa del Comitato Etico FIFA intende proporre alla camera di giudizio una mia sospensione per 90 giorni. 
È un tema estremamente serio, soprattutto perché le informazioni sembrano arrivare da una fonte ufficiale FIFA, anche se il Comitato Etico, che dovrebbe essere totalmente indipendente, non ha ancora emanato la sua decisione. 
Questa fuga intenzionale di informazioni, di natura tendenziosa e giunta in modo inaccettabile, è sostanzialmente un tentativo di danneggiare la mia reputazione. 
Nelle ultime settimane, ho ribadito la mia volontà di collaborare pienamente con le autorità che conducono le varie inchieste rispettando le più rigide regole procedurali. La FIFA, per contro, ha chiaramente trasgredito queste regole. 
Ho agito e mi sono espresso sempre con onestà, coraggio e franchezza, perché ritengo che sia un dovere morale. Se quanto detto sulle intenzioni della camera di investigazione del Comitato Etico FIFA è vero, non mi fermerò davanti a nulla per fare in modo che si sappia la verità. Non ci sono dubbi sulla mia determinazione a raggiungere tale obiettivo. 
Nel frattempo, un organo di giudizio spassionato, indipendente e imparziale deve fare luce sugli eventi che hanno portato il Comitato Etico FIFA ad aprire questi procedimenti investigativi. 
Stamattina ho inviato le lettere di sostegno necessarie per candidarmi alla presidenza FIFA. Come ho sempre fatto dal 2007, rispetterò i miei obblighi dopo essermi consultato con le 54 federazioni affiliate alla UEFA, che a breve convocherò a Nyon. Mi riunirò anche con tutte le altre confederazioni e le federazioni affiliate alla FIFA, con uno spirito di apertura che ha sempre caratterizzato le mie azioni. 
Sono certo che supereremo questa difficoltà in modo del tutto trasparente e con l'unità che dà forza al calcio".