236
Il Milan è diventato una cosa molto seria. Non solo continua a vincere, ma segnano sempre nuovi giocatori, tutti appena acquistati. Questo è un merito di Maldini, ma è soprattutto un merito del Milan. Il Real Madrid non dà giocatori a squadre che non siano al suo livello, non tratta nemmeno. Ibrahimovic non sarebbe tornato in un altro tipo di società.

Ascolta "Il Milan è una cosa seria, perché non dovrebbe continuare a vincere?" su Spreaker.

È stata questa differenza di fondo a permettere a Milan di resistere e portare seriamente avanti una forte politica di qualità nei giovani. È un progetto che in Italia ha sempre funzionato poco per chi voleva vincere, ma il tempo è cambiato dovunque, i giovani entrano oggi nel grande calcio molto prima. Oggi a 22 anni devi avere già due-tre stagioni alle spalle, altrimenti non sei più una buona novità, sei solo un rischio. In un campionato pieno di squadre incomplete, il Milan non è solo giovane. Si sono aggiunti Leao, Diaz, sta arrivando Tonali, si è moltiplicato Calabria, è tornato Kjaer, sembrano bravi tutti. C’è una freschezza che significa disponibilità, voglia di dimostrare, cioè le basi del buon calcio. Non mi è più chiaro perché non dovrebbe continuare a vincere.