135
È molto importante che la Juve abbia vinto il proprio girone. È il primo segnale del nostro calcio nelle coppe europee. È vero che il girone non era difficile, ma  era pur sempre lo stesso del Chelsea. Ed è vero anche che Allegri ha potuto permettersi di giocare e vincere ieri con una squadra ampiamente sperimentale. Decisivo è stato il gol di Chiesa che ha battuto il Chelsea, unica squadra di livello europeo che sia stata battuta da un'italiana. In attesa dell'Atalanta, chiudiamo la fase a girone avendo vinto solo contro seconde e terze linee: Zenit, Malmoe, Sheriff, Young Boys e nuovo Shakhtar.

Ascolta "La Juve prima nel girone, l'unico segnale che in Champions esistiamo" su Spreaker.

Penso che con il tempo e un adattamento migliore di Inzaghi alla competizione anche l'Inter possa diventare importante. Le prestazioni migliori sono state quelle del Liverpool, stesso cammino per Ajax e Bayern, inossidabili a qualsiasi cambiamento d'epoca, al quarto posto c'è la Juve, ma quasi in scioltezza tranne la notte di Londra. Questi punteggi ricordano un dato che spesso dimentichiamo: in Champions conta l'esperienza, l'abitudine alla gara. Essere sicuramente inferiori al calcio inglese non significa essere inferiori a tutti. Possiamo battere gli altri e vedere semmai come va a finire.