Anversa, città di diamanti e di chi, del calcio, potrebbe diventarlo. ​E' presto per dirlo ma Yari Verschaeren, che nella città più importante delle Fiandre ha visto la luce, ha tutto per brillare. Su di lui ha scelto di puntare l'Anderlecht, quando era poco più che bambino, ora raccoglie i risultati. Nel vivaio bianco-malva entra a 10 anni, dopo aver mosso i primi passi con Kruibeke e Waasland-Beveren, notato e bloccato dagli scout del club della capitale in un torneo giovanile. Classico numero 10 in grado di giocare anche sull'esterno, Verschaeren non ha il fisico dalla sua parte (è alto solo 172 cm), ma ha saputo farsi largo grazie a una grande tecnica, un'ottima visione di gioco e una personalità da giocatore navigato. Nonostante sia un classe 2001, fa già parte della prima squadra di Rutten, con il quale ha segnato un gol (all'Eupen, diventando il primo giocatore del 2001 a segnare nella Jupiler Pro League) in 11 partite, le ultime otto giocate dal primo minuto. SULLE ORE DI KDB - In patria paragonano Yari a Youri...Tielemans, centrocampista di proprietà del Monaco, attualmente in prestito al Leicester, il diretto interessato si ispira a Modric, Iniesta e soprattutto de Bruyne, diventato agli ordini di Guardiola un centrocampista toccabile. Su ​Verschaeren ha messo gli occhi il Paris Saint-Germain, che ha un osservatore fisso a Bruxelles, il futuro però sarà ancora legato all'Anderlecht. Il percorso di crescita e maturazione è solo all'inizio, ​Verschaeren vuole finire la scuola (studia scienze ed economia all'istituto ​Saint-Nicolas) e maturare in Belgio. La trattativa per il rinnovo del contratto in scadenza nel 2020, portata avanti dall'agente ​Andres Dendoncker, fratello del centrocampista del Wolverhampton Leander, corre velocemente, vedremo ​Verschaeren ​al Constant Vanden Stock ancora per un pò. Ma per il grande salto è solo una questione di tempo.