20
Questa sosta del campionato per la Fiorentina sarà fondamentale per due aspetti, il primo è la riorganizzazione, dopo la batosta di Cagliari i viola dovranno rimettersi in carreggiata e ritrovare quella brillantezza fatta vedere in alcune gare, anche grazie al ritorno in campo di Franck Ribery, e il secondo è il mercato di gennaio. La rosa viola è si di buona prospettiva, ma anche decisamente corta, con alcuni ruoli chiave ridotti all’osso, senza ricambi capaci di dare fiato ai titolari, come il centrocampo e le corsie. La sensazione è che qualcosa verrà fatto, ma servirebbe un investimento mirato per continuare a sognare.

FLORENZI- Proprio per questo la voce che vorrebbe vicino Alessandro Florenzi alla Fiorentina sembra quantomai una scelta azzeccata, con Pradè che coprirebbe una falla con un giocatore di grande carisma e personalità, oltre che esperienza internazionale, ovvero tutte le qualità che la rosa viola non ha. La nuova proprietà ha fatto capire che sognare è lecito, e un giocatore del livello di Florenzi, che lascerà con tutta probabilità la Roma a gennaio, vista la poca considerazione di Fonseca, è un’occasione troppo ghiotta per non essere sfruttata, nonostante i costi elevati.

INTER- In campo, inoltre, c’è una nuova pretendente, l’Inter di Antonio Conte, che ha allenato Florenzi in Nazionale e vorrebbe farne il suo nuovo tuttofare, come era Giaccherini nella sua Juventus. Naturalmente la corte dei nerazzurri potrebbe mettere la Fiorentina in secondo piano, ma il passo di maturità che la proprietà viola deve fare passa proprio da trattative come queste. Riuscire a soffiare ai più blasonati nerazzurri un giocatore come Florenzi sarebbe una grande dimostrazione di forza, oltre che l’attestazione dell’appeal ritrovato da parte della Fiorentina, che ha dalla sua Alessandro Lucci, agente sia del ragazzo che di Montella, oltre che grande amico di Pradè, che potrebbe facilitare la buona riuscita di questo piccolo capolavoro di mercato.