Calciomercato.com

  • Zirkzee: 'Non sono un vero numero 9, il paragone con Ibrahimovic mi piace'. E lancia indizi sul futuro

    Zirkzee: 'Non sono un vero numero 9, il paragone con Ibrahimovic mi piace'. E lancia indizi sul futuro

    • Redazione CM
    A tutto campo. Joshua Zirkzee, attaccante del Bologna, si è confessato in una lunga intervista concessa al Corriere della Sera. Tra stagione del Bologna e paragoni, senza sbilanciarsi sul futuro. La testa per ora è solo alla squadra di Motta, che sogna un posto in Europa.

    SVOLTA - "Quando in estate è andato via Arnautovic, è venuto il momento di fare un passo avanti, prendermi più responsabilità, dimostrare di essere pronto e sfruttare la chance".

    RUOLO - "Non sono un centravanti puro. Dissi un anno fa che mi piaceva giocare con un compagno d’attacco. Però Motta mi ha trasformato in un 9 e mezzo. Non sono uno alla Arnautovic, mi piace venire incontro, giocare il pallone, aiutare la squadra. E fare gol".

    IBRAHIMOVIC - "Juric dico che assomiglio a Ibrahimovic? È un grande complimento. Non è così usuale vedere un centravanti alto (Zirkzee è 1,93 cm, Ibra 1,95 ndr) con una buona tecnica. Non voglio apparire presuntuoso, ringrazio Juric: però sì, mi ci rivedo".

    COSA MIGLIORARE - "Devo ricordarmi che sono l’unico centravanti della squadra e stare più dentro l’area".

    FUTURO - "No, no, non ci penso proprio. Per me esiste solo la partita con il Verona. Se il Bologna andasse in Champions, potrebbe essere una spinta per restare? Ora penso solo al Verona".

    Altre Notizie