24
Il sogno è diventato realtà. Mario Balotelli è ufficialmente un giocatore del Brescia. Massimo Cellino piazza il colpo ad effetto di un mercato che fino ad ora aveva riservato poche sorprese. Super Mario torna a casa, nella sua Brescia dove è cresciuto e diventato uomo. Dagli esordi al Lumezzane al Brescia, dove ha sempre voluto giocare con quella maglia azzurra con la V bianca sul petto. Cellino ha atteso, pazientemente, l'evolversi della trattativa. In silenzio, come nel suo costume. I segnali di un reciproco desiderio di legarsi erano e sono stati numerosi. Mario Balotelli si è sempre allenato in città in attesa di un cenno da parte del club biancoazzurro. Ed il cenno è arrivato a Londra dove Cellino ha condotto la trattativa, lontano da occhi indiscreti. Due incontri con Mino Raiola sono stati sufficienti ad aprire le danze ad una trattativa che si è conclusa con il comunicato odierno. Super Mario Balotelli come Roberto Baggio prima e Pep Guardiola poi. Un fuoriclasse per i tifosi che sognano in grande qualcosa più di una salvezza. Contratto da top player per una squadra neopromossa: lo sforzo di Cellino è stato enorme. Contratto pluriennale, si legge nel comunicato. Tre anni con clausola liberatoria (da definire) in caso di retrocessione. Un colpo che richiama sul Brescia una attenzione mediatica che mancava da tempo. Un acquisto che consente a Corini di avere un'arma notevole per l'attacco. Per Balotelli l'occasione di rilancio anche in chiave Nazionale. Brescia sogna con il nuovo nuovo fuoriclasse.