207
Prima di Juventus-Torino, Fabio Paratici è intervenuto a Sky Sport e ha commentato l'inchiesta di Perugia sul passaporto di Luis Suarez: "L'avviso di garanzia? C'è un comunicato del club emesso ieri che chiarisce la posizione mia e del club. Non avrei altro da aggiungere, sono molto tranquillo. La telefonata con la ministra De Micheli e se riteniamo di aver commesso leggerezze o comportamenti poco opportuni? Sono amico di Paola De Micheli da quando siamo ragazzi, siamo cresciuti insieme e anche lei ha già chiarito, non ho altro da aggiungere. Se rifarei le stesse cose? Assolutamente sì. Inopportuno scomodare un ministro nonostante l'amicizia? Credo che non sia inopportuno parlare con una persona che si conosce da tantissimo tempo per chiedere un'informazione, anzi: meglio chiedere alle persone che conoscono meglio di te, fare domande non è un reato".

PIRLO - "A che punto siamo del percorso con Pirlo? Non siamo a due mesi fa quando abbiamo cominciato, siamo più avanti e abbiamo molti margini perché Andrea ha appena cominciato. Non abbiamo avuto il pre-campionato per sviluppare certe idee e certi schemi, siamo in un percorso e vediamo miglioramenti ogni partita che giochiamo. Siamo migliorati molto nelle posizioni, tecnicamente giochiamo meglio e abbiamo ampi margini di miglioramenti, questo ci fa sperare. Sapevamo ci sarebbe stato un percorso da fare e in un percorso ci sono salite e discese, non ci sono scorciatoie".