Commenta per primo

Lo Spezia deve rimandare la festa salvezza, complice la pochezza di idee e corsa evidenziate nel secondo tempo contro il Lanciano, nonostante la superiorità numerica dalla mezz'ora del primo tempo. Quindi il caldo e le notizie provenienti da Cittadella hanno imbalsamato la gara, solo che la rete della Reggina in pieno recupero ha rimesso in discussione quello che sembrava oramai acquisito, cioè la permanenza in categoria. Al primo affondo lo Spezia passa: è il 10' quando Piccini serve Okaka, che di tacco impensierisce Leali, sulla cui respinta interviene capitan Sansovini che mette dentro ritrovando così la via della rete. Il Lanciano ha la capacità di recuperare quasi immediatamente lo svantaggio con una magistrale punizione di Mammarella che al 18' toglie le cosiddette ragnatele dal 'sette' pietrificando Guarna, che nulla può. I liguri reagiscono forte e ordinatamente creando altre due situazioni interessanti, con Okaka di testa al 19' e soprattutto con Sansovini, che un minuto più tardi si vede respingere dal piede di Leali in caduta un tiro ad incrociare destinato in fondo al sacco. L'estremo abruzzese ancora protagonista al 27', quando respinde un tap-in a botta sicura da due passi di Sansovini su cross di Piccini. Al 30' Almici si fa espellere sgambettando in maniera plateale a centrocampo e da dietro Okaka, che aveva rubato palla, ma l'uomo in più disarma lo Spezia, anche perché gli ospiti chiudono ogni spazio. Nella ripresa è Guarna a dire di no ad Amenta, che di testa anticipa tutti, poi quasi più nulla se si eccettua un sinistro di Di Gennaro al 77' che Leali mette in angolo con la punta delle dita. Poi più nulla, e la gara finisce tra i fischi del pubblico spezzino.

SPEZIA

L'allenatore dello Spezia, Luigi Cagni: 'Sì, mi sono seduto in panchina praticamente per capire e ragionare, visto che era chiaro che non potevo più incidere. Questa gara è stata l'ennesima dimostrazione e conferma delle occasioni perdute. E' evidente che questa squadra manca di personalità, e giustamente al termine i nostri tifosi ci hanno fischiato. Spiace per loro e per il nostro patron, anche perché vincendo oggi avremmo ottenuto la salvezza matematica e lo Spezia, inteso come società, avrebbe guadagnato 15 giorni per pianificare il proprio futuro. Il rammarico che mi resta è che non sono riuscito a dare ai ragazzi quella continuità nelle prestazioni: devono capire che la loro bravura la devono dimostrare sul campo tutti i giorni e in tutte le gare'.

LANCIANO

L'allenatore del Lanciano, Carmine Gautieri: 'Abbiamo conquistato un punto importante contro una squadra importante. Siamo stati bravi a reagire immediatamente dopo aver subìto l'1-0 e quindi a mantenere la gara nonostante l’inferiorità numerica. L'espulsione? Giusta. Nulla da eccepire. Credo che il prossimo turno sia quello decisivo per i nostri destini'.