49
La pandemia coronavirus influenza anche il mondo dello sport. Calciomercato.com segue tutti i principali aggiornamenti di giornata in tempo reale. 

22.10 Non c'è accordo tra la Premier League e i calciatori per il taglio del 30% degli stipendi. Proprio i giocatori manifestano i loro dubbi in una nota: "La detrazione salariale proposta del 30% su un periodo di 12 mesi equivale a oltre 500 milioni di sterline in riduzioni salariali e una perdita di contributi fiscali di oltre 200 milioni di sterline al governo. Che effetto avranno queste mancate entrate per il governo per il servizio sanitario nazionale?". I calciatori proseguono: "Bisogna trovare nuove entrate anche per la EFL e i club della National League. I 125milioni di sterline potrebbero non bastare". Ultimi due punti: i giocatori chiedono che il 100% degli stipendi sia garantiti a tutti dipendenti del club e che i 20 milioni di sterline che la Premier League ha destinato a enti benefici e famiglie in difficoltà siano aumentati; a riguardo, i capitani delle squadre di Premier stanno creando un apposito fondo. Proseguono le trattative, ma ancora non c'è accordo sul taglio degli stipendi.​

21.30 Tamponi di controllo per la positività al coronavirus e test per individuare eventuali immunità. Sono queste le principali indicazioni del protocollo medico che la Federazione medico sportiva italiana (Fmsi) ha stilato in vista della possibile ripresa delle attività sportive e agonistiche. Si tratta di una serie di raccomandazioni alle federazioni, che costituiscono un vero e proprio protocollo per la riammissione degli atleti agli allenamenti e i successivi controlli di routine e nelle quali si distinguono gli sportivi in tre gruppi - positivi, immuni e non immuni - e si stabilisce la cadenza dei controlli necessari. Il protocollo prevede anche indicazioni generali per la sicurezza degli ambienti sportivi, con raccomandazioni specifiche nei casi di atleti risultati positivi. A riportarlo è l'Ansa. ​

21.00 Dopo le parole su quanto accaduto in Belgio, ecco nuove dichiarazioni sulla situazione dell'intera Europa. Intervistato in queste ore dall'emittente tedesca Zdf, Aleksander Ceferin, presidente dell'Uefa, ha dato un limite temporale preciso per la chiusura di questa edizione della Champions League e dell'Europa League: "Il 3 agosto tutto deve essere finito, sia in Champions che in Europa League. La situazione è straordinaria ma possiamo giocare nelle stesse date dei campionati locali, agli stessi orari; dobbiamo essere flessibili". Qui tutte le sue parole

19.35 La decisione di chiudere con una giornata d'anticipo la Jupiler Pro League, massimo campionato belga, per l'emergenza coronavirus e di assegnare il titolo al Bruges non è andata giù all'Uefa e al suo presidente Aleksander Ceferin, che ha sottolineato come a seguito di questo i club belgi potessero anche rischiare l'esclusione dalle prossime coppe europee. L'URBSFA, federcalcio belga, è corsa ai ripari e nella serata di ieri il presidente Mehdi Bayat ha avuto un colloquio telematico con Ceferin per trovare un punto di incontro: in un comunicato ufficiale, l'URBSFA annuncia di non voler cancellare la decisione della Pro League, ma di voler trovare una soluzione comune con l'Uefa per evitare sanzioni ai club belgi.​ Qui il comunicato ufficiale

15.58 Attraverso un comunicato, il Liverpool ha annunciato che pagherà il 100% dello stipendio allo staff e ai dipendenti così che 'nessun membro sarà economicamente svantaggiato'. 

15.10 Torna a parlare Damiano Tommasi: il presidente dell'AIC, in un'intervista a Radio Punto Nuovo, ha parlato delle prossime mosse dell'AssoCalciatori, lanciando una frecciata alla Lega Serie A (QUI le sue parole). 

14.31
Coverciano apre le porte: come anticipato dal presidente della FIGC, Gabriele Gravina, il Centro Tecnico Federale si prenderà carico dei primi pazienti contagiati. 

14.10 Dusan Vlahovic, attaccante della Fiorentina risultato positivo al coronavirus nelle scorse settimane, ha mandato un videomessaggio ai tifosi tramite il sito internet viola: "Sto bene, spero anche voi. Non vedo l'ora di abbracciarvi tutti e vedervi allo stadio. Sto vivendo un momento particolare, chiuso in casa. Guardo serie tv, ascolto musica e mi alleno. Voglio essere pronto se la stagione ricomincia. Sono il primo tifoso di tutti quelli che stanno combattendo contro questo virus, devo ringraziare i medici".  
13.53 Il Barcellona ha annunciato che il vice-presidente, Jordi Cardoner, è risultato positivo al coronavirus. 

13.06 Anche la Germania fa i conti con i danni da coronavirus: secondo Kicker, ben 13 club tra Bundesliga e Bundesliga 2 rischiano il fallimento.​

12.15 Si muove anche il Monza: dopo la Juve, anche il club di proprietà di Silvio Berlusconi ha trovato un accordo con i propri tesserati in merito allo stipendio. Secondo quanto appreso da Calciomercato.com, i calciatori di Brocchi percepiranno il 50% dello stipendio di marzo. Per  i prossimi mesi, invece, le decisioni verranno prese in base all'evoluzione del virus e dell'emergenza, rapportata al possibile ritorno in campo. 

12.13 La Bielorussia non si arrende: attraverso Marca, la Federazione spiega: "Abbiamo deciso di continuare a giocare, sulla base dei dati forniti dai Ministeri della Salute e dello Sport. La situazione è diversa di paese in paese, la stessa Uefa ha lasciato a ogni federazione la possibilità di decidere". 

11.40 Cuore d'oro per Dunga, ex ct verdeoro: ha donato 10 tonnellate di cibo ai bisognosi in Brasile.

10.35 La Uefa studia a come far ripartire la Champions League. Il sogno di Nyon è concludere tutte le gare: 17 partite da distribuire in 11 giorni e 6 settimane. Alla prima si giocano gli ottavi, alla seconda l'andata dei quarti, alla terza il ritorno dei quarti, alla quarta l'andata delle semifinali, alla quinta il ritorno delle semifinali e alla sesta la finale. Uno scenario che, secondo La Gazzetta dello Sport, potrebbe spingere la finale dopo il 15 agosto. L'alternativa sono le gare secche, completabili in 4 settimane. Terza soluzione è la final four con semifinali e finale in sede unica. Quarta e ultima idea è la final eight.

10.15 La Serie A studia come tornare in campo: secondo La Gazzetta dello Sport, Gravina starebbe pensando alla salvaguardia dei calciatori, con check-up approfonditi, tamponi e ritiri. 

10.10 Nel corso di un'intervista a La Gazzetta dello Sport, il presidente dell'AIC, Damiano Tommasi, ha dichiarato: "Diventa difficile sbilanciarsi, nessuno può farlo. Solamente il virus e ciò che si sta cercando di fare per sconfiggerlo decideranno.