19
Riciclaggio di denaro. È una delle ipotesi di reato sbattute in copertina dal settimanale portoghese Sabado e chiama in causa diversi club portoghesi. Fra i quali però è in posizione particolarmente complicata il Porto. Col solito player indicato come cardine del sistema: il super-agente Jorge Mendes, il cui coinvolgimento nell'inchiesta andrebbe di pari passo con quelli della moglie Sandra e dell'avvocato di fiducia, Carlos Osorio de Castro. Altri agenti nominati dal settimanale sono Jorge Baidek (ex agente di José Mourinho fino alla primavera del 2004, quando il tecnico passò sotto le insegne di Gestifute) e Dimas, l'ex calciatore della Juventus convertito in intermediario nel post-carriera.

Il settimanale portoghese parla di ben cinque inchieste in corso, condotte in cooperazione fra l'ufficio del Pubblico Ministero e l'Autoridade Tributària. Fra esse, quella che risulterebbe allo stadio più avanzato riguarda il club guidato da Jorge Nuno da Lima Pinto da Costa. Ma sono numerosi i club portoghesi che, secondo quanto asserisce l'articolo firmato da António José Vilela, vengono passati al setaccio dall'inchiesta: Benfica, Sporting Portugal, Sporting Braga, Vitória Guimarães, Portimonense, Estoril-Praia, Maritimo.

Le operazioni sulle quali si sta cercando di fare chiarezza riguardano calciatori di diversa levatura. Molto in vista quelli legati al Porto. Si parte con Jackson  Martinez, l'attaccante colombiano di cui Calciomercato.com si è recentemente occupato per motivi extra-sportivi e che pare essere stato un caso emblematico di un certo modo di agire. Gli altri calciatori nominati sono Iker Casillas, Danilo (attualmente in forza alla Juventus), James Rodriguez, Radamel Falcao, Danilo Pereira. Ulteriori nomi sono quelli incrociati dagli inquirenti nel corso di un'altra inchiesta giudiziaria, la Operação Furação. Un'inchiesta di cui a suo tempo diede notizia in Italia soltanto Calciomercato.com. E su questo piano siamo alle solite: noi diamo le notizie e gli approfondimenti, altri ci copiano (male) e non hanno il buon gusto di citare la fonte. Ma così va il mondo. In quell'articolo venivano fatti nomi (e non solo quelli) che ritroviamo nel reportage di Sabado: Benni McCarthy, Anderson Luiz, Lucho González, Lisandro López, Nuno Capucho, António Folha, Luis Miguel (Alhandra) e Ricardo Fernandes.
Come detto, non soltanto il Porto è fatto oggetto d'attenzione. Altri filoni d'inchiesta riguarderebbero in particolare il Benfica e lo Sporting Braga. Vengono fatti i nomi di André Carrillo, Pizzi, Jimenez, Julio Cesar, Ola John e Jonas. Per tutti quanti vengono passati al setaccio i contratti per l'intermediazione sui trasferimenti, quelli per il rinnovo coi club e i cosiddetti “premios de assinatura”, cioè la cifra una tantum che il club concede al calciatore per il solo fatto di firmare l'impegno. Troppi denari impiegati per quegli accordi sarebbero finiti altrove e troppi servizi d'intermediazione sarebbero stati fittizi. Adesso gli inquirenti vogliono vederci chiaro.

Ultima annotazione: l'articolo di Sabado dà per scontato che un potente impulso alle indagini sia stato dato dalle rivelazioni di Football Leaks. Ma intanto Rui Pinto continua a essere trattenuto in carcere preventivo da oltre un anno (conteggiando anche il tempo trascorso sotto la custodia della polizia ungherese) e in Portogallo c'è chi continua a spaccare il capello in quattro pur di non riconoscergli il ruolo di whistleblower.

@pippoevai