3
Un nuovo Stadio per Milano
Oggi incontro tra Club e l’Amministrazione Comunale
Milano, 3 dicembre 2019 – AC Milan e FC Internazionale Milano hanno incontrato in data odierna l’Amministrazione Comunale di Milano in merito al progetto di riqualificazione dell’area di San Siro e di costruzione di un nuovo stadio per Milano.
"È stato un incontro utile - ha dichiarato all’uscita l’Amministratore delegato Corporate dell’Inter Alessandro Antonello -. L'indicazione che abbiamo avuto dall’Amministrazione Comunale è che comunque c'è un'idea di mantenimento della superficie di San Siro con finalità sportive. L'obiettivo è quello ora di lavorare su questa ipotesi. Ancora una volta i club si sono resi disponibili a proporre idee sul mantenimento della superficie di San Siro e a lavorare, come sempre fatto. Il punto di discussione era capire come l'ingombro di San Siro può essere reso compatibile con l'esistenza di un altro stadio a poche centinaia di metri. Oggi c'è una delibera e ci si deve attenere alla delibera che è stata emanata".
“Si è parlato a lungo di ingombro: che vi possano essere tre, due o un anello è abbastanza irrilevante da un punto di vista dell'occupazione dello spazio – ha affermato il Presidente del Milan Paolo Scaroni. Il Comune, come da sua delibera, ci terrebbe a mantenere una vocazione sportiva, conservandone allo stesso tempo l'ingombro. Noi analizzeremo questa come prima ipotesi. Mantenere due stadi è un’ipotesi un po’, detta in termini positivi, innovativa, perché non si sono mai visti due stadi uno a cento metri dall'altro. Quando dico innovativa intendo dire, e parlo con beneficio d'inventario, che uno dovrebbe spiegarmi in quale paese al mondo nella stessa area ci sono due stadi, uno vecchio e uno nuovo, uno accanto all'altro. Qualora questa ipotesi non sia per noi percorribile, il Comune si è dichiarato disponibile ad analizzare altre ipotesi che riducano l'ingombro".

I Club hanno affidato a uno studio specialistico l’analisi sulla possibile coesistenza e promiscuità di due stadi e le relative implicazioni, affinché sia possibile una corretta valutazione, studio che sarà ultimato nei prossimi giorni.
Antonello ha infine affermato che i Club si sarebbero “aspettati la presenza del sindaco, però il tavolo è stato assolutamente proficuo”.

“Oggi abbiamo parlato dello stadio attuale, del suo ingombro e di quanto sia compatibile con la costruzione di un nuovo stadio a fianco. Tutti gli altri temi sostanzialmente non sono stati trattati: non si è parlato di metri quadri, non si è parlato di quanto vale il Meazza”, ha sottolineato Scaroni.
Con riferimento al prossimo incontro col Comune, Scaroni ha affermato che “non è fissata la data, ma ci sarà di sicuro”.