49

Roberto Mancini è ancora alla ricerca della formula giusta: il tecico jesino non ha ancora scelto l'undici base della sua formazione tipo, A confermarlo sono le mini rivoluzioni attuate settimanalmente dall'ex City, che contro la Roma, rispetto alla gara di Bologna, manda in campo sei uomini diversi. Lo stesso era accaduto proprio contro i felsinei, quando Mancini ha impiegato Santon, Ranocchia, Brozovic, Juan, Melo e Ljajic. Nessuno di questi aveva preso parta alla gara precedente tra Inter e Palermo. 

DA ALTERNATIVA AD INSIDIA - La gara di ieri contro la Roma ha spazzato via tanti timori dal pianeta nerazzurro e restituito all'Inter qualche certezza in più. Tra queste c'è Danilo D'Ambrosio, esterno ex Torino che non aveva praticamente mai visto il campo fino alla gara contro i giallorossi. Il calciatore campano ha dimostrato non solo di essere una valida alternativa, ma anche di poter insidiare seriamente Davide Santon, sempre titolare nelle prime di campionato e in discussione in occasione delle ultime uscite. A questo punto il mercato di gennaio inizia ad assumere una diversa connotazione e non è detto che D'Ambrosio debba per forza di cose lasciare Milano. 

IL CONFRONTO - Santon non sta assolutamente demeritando, il canterano nerazzurro ha iniziato bene il campionato, ma alcuni suoi limiti continuano a palesarsi a fasi alterne. L'ex Newcastle sostiene pochissimo i due centrali, offrendo poca copertura e troppa superficialità nelle diagonali difensive. D'Ambrosio in questo si mostra più completo del connazionale, ma l'ex Torino, specie quando impiegato a destra, stenta nel creare la superiorità numerica dal suo lato. Raramente salta l'uomo e si propone al cross. Due profili diversi quelli di Santon e D'Ambrosio, il primo più bravo ad attacare, il secondo meglio quando si tratta di difendere.

IL MERCATO - Di sicuro l'Inter dovrà sceglierne solo uno dei due, e se fino a qualche settimana fa sembrava scontata la partenza di D'Ambrosio, adesso non è più così. Intanto contro il Torino - la prossima settimana - D'Ambosio dovrebbe nuovamente far parte della squadra titolare, indice che conferma come l'ex granata stia scalando posizioni nella gerarchia del tecnico jesino. Su quella fascia sarà bagarre, una battaglia alla miliore prestazione, ma alla fine solo uno tra Santon e D'Ambrosio continuerà ad indossare la maglia nerazzurra.