233
Il mercato in entrata è chiuso, ma il Milan non si ferma e continua a progettare le prossime mosse, a partire dal centrocampo: l'obiettivo è regalare ancora a Gattuso una mezzala, un interno abile in interdizione ma in grado anche di rendersi pericoloso negli inserimenti. Gli occhi sono puntati fissi su Adrien Rabiot: classe '95, contratto in scadenza al termine della stagione (30 giugno 2019) e, al momento, nessuna intenzione di rinnovare con il PSG, è lui il pallino di Leonardo e Maldini.

'CONTATTI CONTINUI' - Una priorità vera e propria per i due dirigenti, una missione che i diarchi rossoneri portano avanti da settimane: una conferma ulteriore arriva dal portale transalpino Le10Sport, che conferma come Leonardo e Maldini abbiamo mantenuto e mantengano tuttora contatti frequenti e costanti con l'entourage di Rabiot, per provare a strappare un sì in vista di gennaio; a quel punto sarebbe più semplice accordarsi con il PSG, che eviterebbe di perdere a zero il centrocampista.

DUE INSIDIE - Una missione però tutt'altro che semplice quella di Leonardo e Maldini, perché sulla strada che separa Rabiot dal Milan ci sono due enormi insidie. La prima è che il giocatore saluti Parigi nel giro dei prossimi otto giorni: il Barcellona ha fiutato l'affare e si è mosso per assicurarsi il francese e, nelle ultime ore, indiscrezioni dalla Spagna segnalano anche il Real Madrid sulle sue tracce in un nuovo Clasico di mercato. Qualora Rabiot non cedesse alle lusinghe dalla Liga, i rossoneri si troverebbero di fronte un altro problema: senza il rinnovo con il PSG, da febbraio il giocatore sarebbe libero di accordarsi con qualsiasi club e visti i tanti interessamenti, in Italia anche Inter e Juventus ci pensano, il rischio è che si scateni un'asta che porti le offerte per l'ingaggio ben oltre ai 5 milioni di euro netti a stagione chiesti al PSG per il rinnovo. Un'asta al rialzo, al quale il Milan non ha alcuna intenzione di partecipare. Per questo Leonardo e Maldini spingono con l'entourage per incassare subito il sì ed evitare entrambi i rischi: Rabiot è un obiettivo prioritario, ma il tempo stringe.

@Albri_Fede90