Commenta per primo

Roberto Mancini non scioglie i dubbi sul proprio futuro. Il tecnico jesino, intervistato dal Daily Telegraph, assicura di "non avere idea" se rimarra' alla guida del Manchester City anche l'anno prossimo e del perche' il direttore sportivo dei Citizens, Txiki Begiristain, avrebbe incontrato a Malaga, Manuel Pellegrini.

E spiega che con il presidente Khaldoon al Mubarak "non c'e' alcun problema, anche se non abbiamo parlato recentemente". "Abbiamo un buon rapporto - dice l'ex allenatore di Fiorentina, Lazio e Inter -. In due anni abbiamo vinto tre trofei, inclusa la Community Shield, e adesso abbiamo la possibilita' di vincerne un altro, la FA Cup. Se in questi tre anni non avessi vinto ok, ma fino ad ora abbiamo fatto un buon lavoro. Siamo secondi e in finale di FA Cup. Dopo di che, la societa' puo' prendere qualsiasi decisione, ma al momento problemi non ce ne sono".

Anche se il City avrebbe gia' contattato Pellegrini per l'anno prossimo. "Di queste cose dovete chiedere a Txiki, non a me, per me non e' importante", assicura Mancini. "Negli ultimi sei mesi avete scritto di tutti, avete cominciato con Guardiola, Mourinho, Pellegrini, Ancelotti. Ma io ho quattro anni di contratto e so di lavorare con gente serie, come Khaldoon e lo sceicco Mansour. Txiki va in giro per il mondo per il suo lavoro. Per questo motivo, non ho problemi se va a cena con l'agente di Pellegrini, anche se penso non sia vero".