201
Le parole dell’agente di Jorginho, impegnato in questi giorni con la Nazionale italiana per i delicati impegni (sperando che siano più di uno) nei playoff Mondiali, tradiscono una decisa apertura alle big del campionato italiano: “Per lui giocare in Serie A è un sogno. Il suo cuore è qui. Oggi può giocare in 4/5 squadre: Milan, Inter, Juve, Roma o Napoli”. Queste, dunque, le avversarie credibili per i rossoneri, che dovranno valutare il centrocampista in base alle risposte che arriveranno da Sanches – sul quale comunque si continua a respirare ottimismo per l’estate – e soprattutto tenendo conto del blocco inflitto al mercato del Chelsea.
 
TEMPISTICHE – Jorginho, che a Londra guadagna circa 6 milioni di euro a stagione, è legato al Chelsea fino al 2023, dunque arrivati a questo punto e con i Blues impossibilitati a muoversi, non è irragionevole pensare di andare a scadenza oppure di trasferirsi a prezzo ribassato dopo il Mondiale. Sempre che non venga trovato un accordo per il prolungamento, attualmente impossibile per via delle sanzioni di cui sopra. Difficile, dunque, che l’affare possa essere concretizzato in estate.
 
POUR PARLER – “Sono tanti i club che si interessano a lui. In passato ho parlato con il Psg, il Barcellona e anche con Massara del Milan. Non so se lo vogliono adesso”. Il dossier è sul tavolo della dirigenza rossonera, che non ha fretta di aprirlo per procedere nella trattativa: la priorità è sostituire Kessié diretto a Barcellona, quindi il percorso di crescita sostenibile potrà in futuro incontrare anche Jorginho. Che il Diavolo, da giocatore o da avversario, sembra proprio volerlo ritrovare.