2
10 Filippo Inzaghi: il suo Benevento è in fuga. E la mano dell'allenatore si vede. Miglior difesa del campionato, una sola sconfitta, 4 vittorie nelle ultime 5, compresa l'ultima nella sua Venezia, club che riportò in Serie B e con il quale fece i playoff. Pippo è tornato Super. 

9 Alessio Plizzari: il portierino scuola Milan salva il Livorno con una super parata sullo scadere. Contropiede della Cremonese, colpo di tacco di Ciofani, il 2000 di proprietà rossonera vola reattivo e regala un punto ai suoi. 

8 Mirko Eramo: assist di tacco per De Luca e gol di testa per chiudere il match. La Virtus Entella torna a vincere e lo fa anche grazie all'ex Benevento. 

7 Michele Marconi: due gol in 19 minuti, il secondo da infortunato, per lasciare il campo a Moscardelli al 32esimo. Il Pisa vince col Pordenone. E lo fa grazie al suo numero 31, arrivato a 10 gol stagionali. 

6 Emmanuel Rivière: non si poteva non mettere, l'attaccante del Cosenza. Anzi, il 6 gli va stretto, meriterebbe di più. Ma pur di metterlo... Quarto gol in campionato, terzo nelle ultime 4, la rete dell'ex Newcastle non basta a regalare la vittoria ai Lupi sullo Spezia.

5 Sauli Vaisanen: si fa sovratare da Evacuo nel ko del Chievo contro il Trapani. 

4 Nicolò Casale: c'è il suo mancato intervento in entrambe le reti del Benevento. Il Venezia perde 2-0 e il centrale dei lagunari non chiude sul gol di Coda e non svetta su quello di Caldirola. 

3 la difesa del Pescara: male, malissimo sui primi due gol subiti. Passiva e timorosa, lascia spazio a Iemmello e all'ex Capone. 

2 Pordenone fuori casa: in casa da 10, fuori casa da 2. Solamente 5 punti sui 22 realizzati, quintultimo rendimento esterno del campionato. C'è da migliorare. 

1 Roberto Muzzi: 1 punto in due partite, ma soprattutto la disfatta contro il Frosinone- Un 4-0 che rischia di lasciare il segno.