4
Dopo tante voci e poche certezze, finalmente è arrivata l’ufficialità: Mick Schumacher, figlio del leggendario Michael che in Ferrari ha scritto pagine intere di storia, entra a far parte della Ferrari Driver Academy. Quest’ultima, che ha dato l’annuncio ufficiale, è la scuola piloti della casa di Maranello, che ha il compito di creare i futuri driver campioni.

CHI E’ MICK SCHUMACHER - Mick Schumacher è l’attuale Campione di Formula 3 e nel 2019 correrà nel campionato di Formula 2: “Ferrari Driver Academy comunica di avere concluso un contratto con il campione di Formula 3 Europa 2018, Mick Schumacher - si legge nella nota ufficiale diffusa dalla casa di Maranello - Mick, che nel 2019 correrà nel campionato di Formula 2, dalla settimana prossima sarà impegnato con i compagni della FDA nelle attività di preparazione pre-stagione”.

TUTTI I PILOTI DELLA FERRARI DRIVER ACADEMY - Insieme a Mick Schumacher fanno parte di FDA Giuliano Alesi e Callum Ilott, impegnati anch’essi in Formula 2, Marcus Armstrong e Robert Shwartzman, che gareggeranno nel campionato FIA Formula 3, Enzo Fittipaldi, che sarà impegnato nel FIA Formula Regional (Europe), e Gianluca Petecof in gara nella FIA Formula 4 (in Italia e Germania).

SARA’ UN CAMPIONE - Mattia Binotto, Team Principal della Scuderia Ferrari ha commentato: “Per chi come me lo ha visto nascere ha sicuramente un significato emotivo particolare accogliere Mick in Ferrari, ma lo abbiamo scelto per il suo talento e per le qualità umane e professionali che ha messo già in mostra malgrado la sua giovane età”.

VOGLIO LA FORMULA 1 COME PAPA’ - Mick Schumacher ha detto: “Sono felicissimo di avere raggiunto un accordo con Ferrari e del fatto che il mio prossimo futuro nelle competizioni automobilistiche sia in rosso, entrando a far parte della Ferrari Driver Academy e così anche della famiglia della Scuderia Ferrari. Questo è un altro passo nella giusta direzione e potrò solo beneficiare dell’immensa competenza che c’è lì. Sicuramente farò di tutto per poter apprendere tutto ciò che mi può aiutare a raggiunger e il mio sogno: correre in Formula 1. E’ più che ovvio che Ferrari abbia un posto enorme nel mio cuore fin da quando sono nato e in quello della nostra famiglia, sono felice anche a livello personale per questa opportunità. Vorrei anche ringraziare la mia famiglia, gli amici e i partner che mi hanno supportato e aiutato ad arrivare a questo punto”.