4

Fra i milioni di adesioni provenienti da tutto il mondo, anche calciomercato.com sostiene la veglia di digiuno e di preghiera per la pace, promossa da Papa Francesco per questa sera, in Piazza San Pietro, dalle 19 alle 23.

Basta con le bombe che non portano alla democrazia, basta con la guerra, basta con le violenze. Basta. E siccome bisogna gridarlo forte e chiaro, più che mai giusta e nobile è l'iniziativa di questo straordinario Pontefice che ha conquistato il cuore del mondo, indipendentemente dalla fede religiosa e dalle convinzioni politiche di chi lo popola. 

"C’è un giudizio di Dio - ha gridato il Papa - e anche un giudizio della storia sulle nostre azioni cui non si può sfuggire. L’umanità ha bisogno di vedere gesti di pace e di sentire parole di pace. Mi faccio interprete del grido che sale da ogni parte della terra, da ogni popolo, dal cuore di ognuno, dall’unica grande famiglia che è l’umanità con angoscia crescente: è il grido della pace. “Vogliamo essere uomini e donne di pace. Vogliamo che in questa nostra società dilaniata dadivisioni e conflitti scoppi la pace. In questi giorni il mio cuore è profondamente ferito per quello che sta avvenendo in Siria e angosciato per i drammatici sviluppi che si prospettano. Rivolgo un forte appello per la pace. Un appello che nasce dall’intimo di me stesso. Quanta sofferenza, quanta devastazione, quanto dolore ha portato e porta l’uso delle armi nella martoriata Siria. Pensiamo a quanti bambini non potranno vedere la luce del futuro. Con particolare fermezza condanno l’uso delle armi chimiche. Vi dico che ho ancora fisse nella mente e nel cuore le terribili immagini dei giorni scorsi. Non è mai l’uso della violenza che porta alla pace. Guerra chiama guerra, violenza chiama violenza. Con tutta la mia forza chiedo alle parti in conflitto di ascoltare la voce della propria coscienza, di non chiudersi nei propri interessi, ma di guardare all’altro come a un fratello e di intraprendere con coraggio la via del negoziato. Esorto la comunità internazionale a promuovere la pace in Siria con il dialogo e con il negoziato. Non sia risparmiato nessuno sforzo per garantire assistenza a chi è colpito da questo conflitto”.

Santità, stasera siamo in Piazza San Pietro con lei e con tutti gli uomini di buona volontà.

Xavier Jacobelli

Direttore Editoriale www.calciomercato.com