3

Il Torneo di Viareggio per lui si è concluso, ma ha tutta la carriera davanti. Saber Hraiech, classe '95, è stato uno dei giovani che si è messo maggiormente in mostra, fino ad attirare l'interesse del Milan. A Viareggio, la sua Sampdoria è stata eliminata dall'Envigado agli ottavi, ma il giovane italo-tunisino ora vuole continuare a far bene per essere riscattato. E magari, un giorno, poter giocare in Serie A. Saber Hraiech si racconta in esclusiva a Calciomercato.com.

Partiamo dai tuoi esordi: tu hai avuto una carriera diversa da molti giovani della Primavera, perché hai già giocato in serie minori. 
"I miei inizi di carriera sono stati un po' difficili. Ho fatto l'esordio in Serie D all'età di 15 anni e ho iniziato a confrontarmi con gente più grande. E' stato molto difficile, ma mi ha aiutato tanto a crescere e a capire cosa significasse giocare nel calcio che conta".

Sei in prestito dalla Virtus Entella, ti piacerebbe restare alla Sampdoria?
"Sì, sono in prestito con diritto di riscatto e vorrei rimanere alla Samp. Qui mi trovo bene e tutti mi vogliono bene". 

Come ti descriveresti a chi non ti ha mai visto giocare? 
"Nasco come esterno/seconda punta, è un ruolo che ho fatto per alcuni anni. Ma posso ricoprire tutti i ruoli dal centrocampo in su. Sono un giocatore istintivo, non mi piace mollare se si perde o anche semplicemente se si perde un pallone". 

Sei già seguito da grandi squadre, ti piacerebbe giocare nel Milan? 
"Certo che mi piacerebbe giocare nel Milan! E' una grandissima squadra, sfiderei chiunque a dire di no. Ma al momento non mi interesso molto a queste cose, penso solo al campo di gioco e non saprei dire se sono solo voci o no". 

Qual è il giocatore del Milan a cui ti ispiri di più?
"Direi El Shaarawy". 

E quali sono gli altri tuoi modelli?
"In assoluto il mio idolo è sempre stato Ronaldo, il brasiliano. E ora mi piace tanto Vidal della Juventus". 

Sei nato in Italia ma hai origini tunisine. Hai già scelto con quale nazionale giocare? 
"Per ora vorrei giocare con le nazionali giovanili tunisine, spero che mi convocheranno presto".