A Genova ieri è stata la giornata degli... arabi. La voce che raccontava di un fondo riconducibile ad Abu Dhabi interessato ad acquistare la Sampdoria ha fatto il giro della città in pochissimo tempo. E mentre in molti si interrogano sulla reale veridicità dell'indiscrezione, attendendo magari anche una replica da parte della dirigenza doriana, emergono nuovi particolari sulla possibile trattativa tra Corte Lambruschini e gli Emirati.

Secondo l'emittente locale Telenord, a fare da tramite tra la Sampdoria e il Golfo Persico sarebbe Angiolino Barreca. Tifoso blucerchiato, uomo di sport in quanto ex presidente della Pro Recco e dello Spezia Calcio, Barreca è molto conosciuto in Liguria come uomo di fiducia di Gabriele Volpi, potente imprenditore nativo di Recco.

Lo stesso Volpi nel febbraio 2015 era stato accostato alla presidenza della Sampdoria, spinto da Barreca che però negli ultimi tempi si sarebbe 'staccato' dal magnate. Barreca oggi segue negli Emirati la costruzione di impianti sportivi e si occupa di una sorta di Accademia dello Sport. E proprio l'Accademia sarebbe stato il pretesto capace di mettere in contatto la Sampdoria (a cui Barreca aveva offerto una collaborazione per quanto riguardava il settore calcio) e i nuovi potenziali acquirenti.

Va sottolineato anche che l'attività di Barreca negli Emirati è finanziata dall'Abu Dhabi United Group for Development and Investement, il fondo già presente nel calcio grazie al Manchester City, al New York City, al Melbourne City e allo Yokohama Marinos.