Recentemente, la questione arbitri è finita nel mirino dei tifosi della Sampdoria. L’ultimo episodio è stato quello del rigore negato ai blucerchiati durante la sfida con la Lazio, ma già in settimana a Genova si era parlato a lungo di arbitri a causa del presidente del Doria Massimo Ferrero.

Lo scambio di ‘cortesie’ e complimenti tra Ferrero e il nuovo presidente dell’Aia Alfredo Trentalange – storicamente inviso alla Genova blucerchiata a causa della retrocessione di Bologna e di altri comportamenti - ha molto irritato gran parte della tifoseria blucerchiata. Certe frasi del Viperetta sarebbero state quindi lette come un’ennesima mancanza di rispetto nei confronti della storia della Samp.

Secondo La Repubblica però Ferrero avrebbe ritenuto molto ingenerose le accuse nei suoi confronti. L’imprenditore romano avrebbe anche aggiunto che il club non poteva ignorare la nomina, visti i precedenti, per non dare l’impressione sbagliata al nuovo capo degli arbitri.