Commenta per primo
In un 'Marcello Torre' semi-deserto L'Aquila centra la vittoria in trasferta battendo la Paganese 1-0 grazie al gol di Frediani all'11'. Il primo tempo parte su buoni ritmi con L'Aquila che fa la partita, sfiorando il gol già al 2' con Libertazzi, e la Paganese si difende; all'11' gli sforzi degli ospiti sono premiati con il gran gol di Frediani, un sinistro potente all'incrocio dei pali con Volturo che non può nulla. L'Aquila continua a spingere pungendo in ripartenza in due occasioni: prima Libertazzi con un colpo di testa sfiora il gol a pallonetto e poi De Sousa, lanciato in profondità, impegna severamente Volturo con un diagonale di sinistro. Al 23' L'Aquila si vede annullare un gol per fuorigioco di Dallamano sugli sviluppi di un calcio piazzato con la Paganese che subisce la spinta offensiva degli ospiti riuscendo a tirare in porta solo al 40' con William che però non crea problemi a Testa. La prima frazione di gioco si chiude con gli azzurro-stellati sotto di un gol. Dopo cinque minuti dall'inizio della ripresa la partita prende una piega incredibile con protagonista l'arbitro Serra Marco di Torino: in un minuto la Paganese resta in 9 prima con il rosso diretto mostrato a Deli per un fallo di gioco ai danni di Corapi e poi, dal capannello di proteste susseguente, viene ammonito per la seconda volta Velardi con conseguente espulsione. L'Aquila controlla il vantaggio senza difficoltà costruendo un paio di buone chances per il raddoppio vista l'impotenza della squadra di casa, che resta addirittura in 8 uomini per l'espulsione di Perrotta, doppio giallo, all'88'. La gara termina con lo stesso punteggio del primo tempo con L'Aquila che conquista la vittoria ai danni della Paganese, sempre più ultima in classifica.

PAGANESE

L'allenatore della Paganese, Vittorio Belotti: 'Il problema di oggi era che in campo loro erano in 12, quando non si arbitra con cuore e buon senso allora è tutto inutile. In una partita correttissima si vedono 3 espulsi e in più l'allenatore? È stato incredibile. Migliore in campo nel primo tempo e peggiore nel secondo, mi ha cacciato per aver detto questo. Abbiamo perso solo per questo motivo, la squadra ha lottato e ha dimostrato di essere cattiva, determinata. Essere rovinati così ti fa venire voglia di smettere, era da un po' che non me la prendevo con gli arbitri ma non posso fare altrimenti oggi. Non si è capita l'espulsione di Velardi, davvero, lo ha cacciato perché se l'è ritrovato davanti. Peccato perchè abbiamo avuto un paio di occasioni e in una siamo stati fermati con William per un inspiegabile fallo in attacco; inutile parlare della partita perché la condotta arbitrale non è stata all'altezza, affatto. Non voglio rimproverare i ragazzi oggi, senza dubbio. Capaldo è un ragazzo giovanissimo che si è impegnato, bisogna tenere il morale alto e sarà compito mio farlo'.
L'AQUILA

L'allenatore de L'Aquila, Giovanni Pagliari: 'Risultato fondamentale, nel secondo tempo è sorta un po' la paura di vincere ma in complesso i ragazzi mi sono piaciuti molto. Stiamo facendo qualcosa di strepitoso e ora abbiamo due partite bellissime in casa contro Perugia e Benevento. Nella ripresa dovevamo chiudere la partita, anche noi ci siamo trovati spiazzati per quell'espulsioni e anche i ragazzi della Paganese ci hanno provato fino alla fine. Non me la sento comunque di criticare i miei, Maltese non era entrato bene in partita e volevo mettere più quantità in mezzo al campo. Ingrosso, ex di turno, si è espresso benissimo perché sono convinto che sia un ottimo giocatore. La corsa ai play-off? Tutte le partite sono dure, anche contro le ultime in classifica, sarà davvero complicato perchè ci sono tante motivazioni in tutte le piazze. La nostra autostima cresce perché oggi è la settima vittoria in trasferta e non è poco; il calendario sarà ostico da ora in poi quindi era fondamentale conquistare i tre punti oggi'.

Il difensore de L'Aquila, Gianmarco Ingrosso: 'Oggi è stata importantissima, il campo di Pagani non è mai stato facile quindi siamo molto felici. Il primo fallo non l'ho visto perché ero lontano e il secondo rosso è per protesta ma non so dire altro perché non ricordo di preciso. Un anno iniziato male per me, fermo tre mesi per l'operazione al ginocchio e ora va meglio. Fa sempre piacere tornare qui dove sono stato un anno e mezzo, mi sono trovato molto bene in questa città'.