Commenta per primo
La Virtus Lanciano vince nel finale contro la Juve Stabia. Partita difficile per i padroni di casa: a dispetto del divario di punti in classifica la compagine campana si è dimostrata compatta e molto organizzata. Gli ospiti si sono lasciati preferire per fluidità di manovra, ma non sono riusciti a concretizzare verso la porta rossonera. Nella prima frazione le emozioni latitano, gli stabiesi tengono molto il pallone ma raramente sono pericolosi; i rossoneri sbagliano moltissimi appoggi non arrivando quasi mai in attacco. Nella ripresa la Virtus entra in campo con maggior decisione e lucidità, e crea un paio d'occasioni importanti prima, con Ragatzu che tutto solo in area si divora il gol del vantaggio, poi con Comi, che da due passi di testa manda la palla a lato. Qualche minuto più tardi i rossoneri rischiano grosso: bel tiro rasoterra di Caserta, Sepe compie un prodigio nel deviare il pallone sul fondo. Nel finale arriva l'episodio, o per meglio dire il tocco di classe di Mammarella, che al minuto 83 trafigge Viotti con una splendida punizione dal limite che si insacca nel set. L'1-0 è il risultato che consente alla Virtus di salire al terzo posto solitario in classifica a quota 44 punti: per la Juve Stabia tanto rammarico per aver buttato via un'occasione importante per fare punti.
 
VIRTUS LANCIANO 

L'allenatore della Virtus Lanciano, Marco Baroni: 'Sapevamo che andavamo incontro ad una gara difficile perchè giocavamo contro una squadra, la Juve Stabia, che non aveva nulla da perdere. Oggi voglio solo rendere merito ai miei ragazzi per il lavoro che fanno con me. Non mi è piaciuta l'aria che ho sentito nel match, il nostro obiettivo sono i 49 punti. Siamo a quota 44 a 15 giornate dalla fine, penso vada dato merito al lavoro dei miei ragazzi. Abbiamo sofferto tanto, ma siamo riusciti a mettere nel finale la stoccata vincente'.
JUVE STABIA

L'allenatore della Juve Stabia, Piero Braglia: 'Non è la prima volta in questa stagione che giochiamo bene ma non raccogliamo nulla. Mi dispiace per i ragazzi: sono un grande gruppo, si aiutano l'uno con l'altro. La mia speranza è che questa squadra al termine della stagione riesca a salvarsi, perchè se lo meritano questi ragazzi. Volevamo attaccarli sulla fascia di Mammarella e Buchel perchè vanno in difficoltà quando sono attaccati, l'abbiamo fatto bene con Parigini e Zampano'.