4
Alle rivoluzioni in casa Genoa ci si è ormai da tempo abituati. Non passa sessione di mercato, estiva o invernale non fa differenza, senza che dalle parti di Pegli si assista ad un vero e proprio viavai di giocatori. Una costante che verrà certamente confermata anche in vista della prossima stagione.

Se Davide Ballardini sarà il filo d'unione con il campionato appena concluso, l'organico che avrà a disposizione subirà viceversa profonde modifiche in tutti i reparti. A cominciare con quello di porta. Dei quattro estremi difensori presenti nell'ultima rosa il solo Alberto Paleari, riscattato a gennaio dal Cittadella, è al momento sicuro della permanenza in Liguria. Destinato completamente opposto a quello che attende i suoi compagni di reparto più recenti. Federico Marchetti e Lukas Zima si avviano verso uno svincolo contrattuale che diverrà ufficiale il prossimo primo luglio mentre Mattia Perin è rientrato alla Juventus dopo i 18 mesi di prestito in rossoblù.
Su due di questi ultimi tre profili, tuttavia, le strategie del Grifone sono piuttosto chiare e prevedono la loro permanenza all'ombra della Lanterna. A Marchetti è già stato proposto il rinnovo per un'altra stagione, con la relativa possibilità di entrare a far parte dello staff tecnico una volta sfilati i guantoni. Di Perin invece si sta discutendo con i bianconeri per definire un possibile ennesimo suo ritorno in rossoblù. È lui la prima scelta per la porta di un Grifone che nel frattempo raccoglierà anche il brasiliano Jandrei e lo slovacco Vodisek, entrambi di rientro dopo i rispettivi prestiti. Possibile che ambedue possano però ripartire immediatamente, magari questa volta a titolo definitivo.

Se Perin resta come detto la prima scelta, gli uomini di Preziosi non vogliono farsi trovare impreparati nel caso la trattativa per l'Airone non dovesse andare a buon fine. Tra i profili alternativi studiati dal Genoa ci sono quelli delll'atalantino Marco Sportiello e del torinista Salvatore Sirigu. Due opzioni differenti per ingaggi ed esperienza ma simili nell'evitare al Genoa azzardati salti nel buio, puntando su rischiose scommesse in un ruolo fondamentale.