36
Due settimane e poco più, tanto è durata la latitanza di Giovanni Cassano, fratellastro per parte di padre del ben più famoso Antonio, attaccante della Sampdoria. Il 44enne pregiudicato era già caduto in mano alle forze dell'ordine lo scorso 4 novembre, quando due agenti lo avevano intercettato nel quartiere Libertà di Bari, individuandolo mentre si nascondeva dietro un cassonetto della spazzatura, ma non avevano potuto procedere all'arresto: Cassano, che indossava una parrucca e un giubbotto antiproiettile, prima ha puntato una pistola contro i poliziotti, poi si è dato alla fuga assieme a un complice aiutato da un gruppo di residenti del quartiere, tra cui donne e bambini, che scesi in strada hanno ostacolato l'attività delle forze dell'ordine. Dopo due  settimane però Cassano è stato nuovamente trovato e questa volta fermato dalla Polizia.