Calciomercato.com

  • Inter, Audero e non Sommer: Inzaghi sereno, la miglior difesa d'Europa non concede tiri

    Inter, Audero e non Sommer: Inzaghi sereno, la miglior difesa d'Europa non concede tiri

    • Emanuele Tramacere
    Yann Sommer leggermente influenzato e così in vista dell'importante sfida di campionato contro il Lecce, la prima di un trittico ravvicinato in cui ci sarà anche il recupero della 21esima giornata contro l'Atalanta rinviata per la Supercoppa a gennaio, tocca a Emil Audero, vice in questa stagione e che ha all'attivo soltanto due presenze una in Coppa Italia, con la sconfitta ai supplementari contro il Bologna e una in Champions League, contro il Benfica nel 3-3 da ampio turnover in una gara che contava poco ai fini della qualificazione. Ma chiunque scenda in campo (tocca ad Audero, la probabile formazioneper Simone Inzaghi non ci sarà differenza perché in questo 2024 ha dalla sua un'arma che pochi altri club in Europa hanno. 


    DIFESA SUPER -
    No, non è il portiere, ed è evidente anche perché Sommer nelle ultime uscite ha spesso e volentieri passato la gara da spettatore non pagante. Al contrario l'Inter ha dalla sua la miglior difesa d'Europa nei top 5 campionati con soltanto 12 gol subiti in Serie A a fronte dei 15 del Nizza (top in Ligue 1 in Francia) dei 15 del Bayer Leverkusen (top in Bundesliga in Germania) dei 16 del Real Madrid (top in Liga in Spagna) e la metà dei 22 del Liverpool (top in Premier in Inghilterra).

    Questa pagina contiene link di affiliazione. Quando sottoscrivi un abbonamento attraverso questi link, noi riceveremo una commissione.Segui Lecce-Inter in diretta su DAZNGUARDA SU DAZN
    RENDERE COMPLICATO IL TIRO - Certo, Sommer finora ha fatto il suo, ma in questo 2024 è cambiato l'atteggiamento difensivo della formazione nerazzurra che, tra l'altro ha anche affrontato molti big match ravvicinati nel periodo di fine gennaio inizio febbraio. Nelle ultime due partite disputate, contro Atletico Madrid in Champions e contro la Salernitana in campionato le posizioni medie di tutti e 11 i giocatori nerazzurri in campo si sono alzate e, di conseguenza, è stato molto più complicato, anzi impossibile tirare verso la porta nerazzurra.


    LA STATISTICA DEI TIRI IN PORTA - Zero, 0, sono infatti i tiri nello specchio concessi
    in queste due gare e il dato non cambia di molto ampliando la ricerca alle 9 vittorie consecutive che partono da Inter-Verona e culminano in Inter-Atletico. In tutto il campionato, di media, i nerazzurri hanno concesso non più di due tiri nello specchio a gara, di cui solo 0,1 di media da dentro l'area piccola e 0,8 da dentro l'area. Sommer, in sostanza, le parate più importanti è chiamato a farle sui tiri dalla lunga distanza, i meno pericolosi.

    Altre Notizie