18

C'è una finestra di mercato invernale ormai alle porte, con la Juve che ha degli obiettivi chiari da raggiungere: prima di tutto un centrocampista di primo piano che faccia dell'impostazione la propria principale caratteristica, tanto più necessario quanto saranno preoccupanti le condizioni di Sami Khedira nelle prossime settimane. Ma se per l'immediato si continuano a seguire sogni più o meno proibiti come Gundogan e Moutinho, ma anche profili più abbordabili come quello di Banega (LEGGI QUI), sul mercato la rete di osservatori bianconera continua a lavorare intensamente anche e soprattutto per il futuro. Un crocevia particolarmente importante di questo fine settimana è passato quindi da Monchengladbach, dove secondo quanto raccolto in esclusiva da calciomercato.com, si trovava un uomo di fiducia di Marotta e Paratici per assistere al big match tra Borussia e Bayern Monaco. Due in particolare gli elementi monitorati, per diversi motivi: Mahmoud Dahoud e Mehdi Benatia.


DAHOUD, NUOVO PALLINO – Ancora una volta ha destato un'ottima impressione il centrocampista classe '96 del Borussia. Dahoud, già positivo proprio nella doppia sfida con la Juve, è ormai diventato a tutti gli effetti un nuovo pallino di Fabio Paratici che sta intensificando la richiesta di relazioni sulle sue prestazioni. E settimana dopo settimana, arrivano sempre maggiori segnali riguardo l'affidabilità non solo in prospettiva del centrocampista che a soli 19 anni sta dimostrando in Champions e in Bundesliga di saper fare tutto, palesando una duttilità che rappresentà forse la principale qualità sottolineata dagli 007 bianconeri. Per il presente Allegri ha già fatto capire come preferisca accogliere solo giocatori già pronti, che possano alzare da subito il livello della squadra anche in termini di personalità inserendosi senza problemi nell'undici titolare. Ma in chiave futura, rimane uno dei profili per la mediana che più convincono.


BENATIA: LA JUVE CI PENSA – Non la migliore giornata invece per Benatia, ammonito dopo quattro minuti e in difficoltà come tutta la retroguardia del Bayern in questa prima sconfitta stagionale in Bundes. Non sarà in ogni caso questa prestazione a complicare l'eventuale arrivo a Torino dell'ex Roma, dall'ambiente bianconero continua a trapelare ottimismo riguardo l'acquisto del difensore in vista della prossima stagione: i rapporti con la società bavarese sono tornati ottimi, l'intesa economica sembra ormai solo da limare sulla base di circa 20 milioni sulla scia del riscatto di Kinglsey Coman da parte del Bayern (LEGGI QUI). I prossimi mesi saranno fondamentali anche in questo senso, con l'ultima parola che spetterà alla Juve anche in base all'esito delle trattative di rinnovo con Barzagli e soprattutto guardando alla crescita di Rugani, che sia sempre alla corte di Allegri o in prestito per la seconda parte di stagione.

Nicola Balice
@NicolaBalice