16
"In un calcio ormai privo di esempi da seguire e positività, ma sempre più basato sul denaro e sul ritorno economico, e funestato da eventi che con il pallone non hanno nulla a che vedere, questa rubrica vuole proporre un momento di svago settimanale che ci riavvicini allo sport più bello del mondo, legato al campo di gioco ma non solo, anche ai social, alle iniziative di beneficenza e a storie da raccontare: il calcio è felicità, il calcio è passione, il calcio è "Momenti Di Gioia""


Quello di ieri è stato un giorno particolare e felice per Diego Alberto Milito, attaccante argentino eroe del Triplete dell'Inter: Avellaneda, città portuale dell'Argentina, nella provincia di Buenos Aires, gli ha infatti dedicato una via, per ricordare le sue imprese con la maglia del Racing, squadra che il Principe, nativo della vicina Bernal, tifa sin da quando era piccolo.  

ZANETTI E BURDISSO SOSTENITORI - Una città di oltre 300 mila abitanti totalmente ai suoi piedi, tanto che l'iniziativa dal nome #CalleDiegoMilito ha avuto pieno successo: l'obiettivo, realizzato ieri, era proprio ribattezzare Calle Italia col nome dell'ex Genoa e Inter. La proposta è arrivata alla discussione in comune, dove ha trovato i favori unanimi della commissione deliberante. Zanetti e Burdisso, suoi compagni all'Inter, hanno appoggiato caldamente l'iniziativa attraverso i propri canali di comunicazione, dando una spinta importante alla realizzazione dell'idea. Otto stagioni e due titoli al Racing non sono stati infatti dimenticati nè dai tifosi nè da Milito, che si è voluto ritirare da giocatore del club che lo ha lanciato nel calcio europeo.
'REALIZZATO UN SOGNO' - Ecco le parole rilasciate alla fine della cerimonia alla fine della cerimonia: "Oggi è un giorno importante, sono molto emozionato. E’ una giornata molto speciale, bellissima e rimarrà impresso nel mio cuore e nella mia testa per il resto della mia vita come lo è stata anche l’ultima partita della mia carriera a casa mia. La mia vita è stata di tanti sacrifici, ma ora posso dire che ho compiuto un sogno. Non ci sono titoli più importanti del rispetto della gente e questi sono valori che insegnerò ai miei figli. Sono cosciente di cosa significa questo giorno, vedere il mio nome in una via al lato del Cilindro è una cosa molto forte. Quando i miei figli o la mia gente passerà di qui e vedrà il mio nome, è una cosa molto molto forte. Ringrazio la mia donna, mia moglie, che è stata fondamentale nella mia vita, i miei figli che mi hanno permesso di realizzare il mio sogno che era quello di tornare e di chiudere la mia carriera con questa maglia, con la maglia del Racing".

@AleDigio89