96
"In un calcio ormai privo di esempi da seguire e positività, ma sempre più basato sul denaro e sul ritorno economico, e funestato da eventi che con il pallone non hanno nulla a che vedere, questa rubrica vuole proporre un momento di svago settimanale che ci riavvicini allo sport più bello del mondo, legato al campo di gioco ma non solo, anche ai social, alle iniziative di beneficenza e a storie da raccontare: il calcio è felicità, il calcio è passione, il calcio è "Momenti Di Gioia""

L'Italia è tornata a casa: ieri la squadra di Conte ha perso con onore contro la Germania, nei quarti di finale di Euro 2016. Una sconfitta che visto e considerato il tasso tecnico delle due squadre era pronosticabile ed è assolutamente accettabile, ma che è maturata esclusivamente dopo una serie quasi interminabile di calci di rigore, nei quali i tedeschi sono stati più lucidi.

NON CI BATTONO MAI - 
Eppure anche ieri la nazionale di Low non è riuscita a sconfiggere gli Azzurri, come sempre nella storia dei grandi tornei: anzi Boateng prima, con lo sciagurato salto a braccia aperte che ha regalato il rigore a Bonucci e Muller ed Ozil poi, con gli errori dal dischetto, sembravano far presagire un finale diverso anche nel match di ieri. Finale che poi non si è concretizzato, perchè l'Italia dagli undici metri è riuscita a fare peggio della Germania: tre rigori falliti su cinque da Zaza, Pellè e Bonucci, poi l'errore di Darmian ad oltranza.

ZAZA E PELLE', CHE PENA...LTY! - Ma se gli errori di Bonucci e Darmian sono nell'ordine degli eventi (il primo aveva già dovuto calciare un penalty a Neuer, uno dei portieri più forti del mondo, nei 90', il secondo ha calciato il rigore della paura non essendo avvezzo a tirarLi), particolari e audaci sono apparsi i tentativi di Zaza e Pellè: una rincorsa infinita alla Pogba per il primo, la sfida dello scavetto a Neuer prima della ciabattata fuori per il secondo. La rete di Internet, come sempre, è stata lo specchio dell'Italia e dei suoi tifosi: prima la rabbia per due errori da un certo punto di vista ingiustificabili (per il modo, non per l'esito finale), poi le prese in giro e le risate, in tipico Italian style. Ecco le più belle che abbiamo raccolto dai social: 

@AleDigio89