"In un calcio ormai privo di esempi da seguire e positività, ma sempre più basato sul denaro e sul ritorno economico, e funestato da eventi che con il pallone non hanno nulla a che vedere, questa rubrica vuole proporre un momento di svago settimanale che ci riavvicini allo sport più bello del mondo, legato al campo di gioco ma non solo, anche ai social, alle iniziative di beneficenza e a storie da raccontare: il calcio è felicità, il calcio è passione, il calcio è "Momenti Di Gioia"".

Il calcio moderno ormai si è adeguato a giocare con tutte le condizioni climatiche possibili e immaginabili, dai 40° fino ad andare sotto lo zero: quello che è capitato però ieri nella sfida di Major League Soccer, campionato di prima divisione statunitense, tra i Colorado Rapids e i Portland Timbers va decisamente oltre l'immaginabile. Le temperature polari che stanno annichilendo la città di Denver non hanno risparmiato la partita del Dick's Sporting Goods Park, nella quale i padroni di casa, alla prima gara di campionato della stagione, hanno pareggiato per 3-3 contro la squadra dell'Oregon. RECORD NEL MONDO DEL CALCIO, TRA SPETTACOLO E GELO - Il termometro segnava infatti -27°C (-18 Fahrenheit), un record per il campionato americano e in generale per il mondo del calcio: non ne hanno risentito lo spettacolo e le emozioni, visto i sei gol realizzati tra facce congelate, tra cui quella dell’arbitro, e spettatori infreddoliti. Colorado che si porta in vantaggio con Kamara, prima del pareggio di Valeri e del sorpasso firmato Blanco: poi il nuovo pareggio di Feilhaber, prima del 2-3 con l'autogol di Wynne e del 3-3 firmato al 94' da Shinyashiki, con i padroni di casa in 10 dal 27' per l'espulsione di Sjoberg. Nonostante le condizioni proibitive del campo dunque, il divertimento non è mancato: ma non si è trattato della partita più gelida del mondo, dato che nel football americano si è arrivati a picchi di -29C.

@AleDigio89